Morte Doddis, gli esami del 118 erano negativi

12 Aprile 2019 Inchieste/Giudiziaria

È stata eseguita ieri sera l’autopsia sul corpo di Carmelo Doddis, il cinquantacinquenne morto una settimana fa mentre era in fila all’ufficio anagrafe di Palazzo Zanca.

Il dottor Antonio Messina, consulente di fiducia della Procura, si è riservato almeno due mesi per presentare la sua relazione ufficialmente. Non ci sono dubbi che la causa della morte è di natura cardiaca, secondo il perito. Ma per saperne di più il dottore Messina ha effettuato dei prelievi che userà per gli accertamenti isto cardiologici.

All’esame, eseguito all’obitorio del Policlinico, hanno partecipato anche il consulente della famiglia, la dottoressa Elvira Ventura Spagnolo, e quello dell’indagato, il dottor Alessio Asmundo.

Il medico del 118 che lo ha visitato qualche ora prima, iscritto con l’ipotesi di omicidio colposo, ha intanto prodotto alla Procura una copia degli esami che ha eseguito quella mattina a Doddis, quando l’uomo ha chiesto l’intervento del numero di soccorso, nel suo appartamento di Tremonti.

Il sanitario ha eseguito l’elettrocardiogramma e un prelievo, risultati negativi, ma avrebbe comunque invitato Doddis a recarsi in un ospedale. L’uomo, invece, ha siglato il rifiuto del ricovero.

Sarà il sostituto procuratore Rossana Casabona a questo punto stabilire se ci sono responsabilità per la morte di Doddis, dopo avere acquisito i risultati dell’autopsia, attesi anche dai familiari, assistiti dall’avvocato Nino Cacia, e dal dottore indagato, difeso dall’avvocato Carmelo Vinci.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione