Tentata estorsione, torna libera la cartomante di Acquedolci Isabella Di Bella

8 Maggio 2019 Inchieste/Giudiziaria

Rimessa in libertà dopo tredici mesi la 69enne di Acquedolci Isabella Di Bella, imputata per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso nel processo in corso al Tribunale di Patti scaturito dall’operazione Concussio.

La difesa, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, ai fini dell’attenuazione della misura, aveva presentato le risultanze di una propria indagine documentando, anche con materiale fotografico supportato dalle testimonianze rese in udienza lo scorso 2 maggio, le frequentazioni di carattere conviviale tra l’imputata, che esercitava la professione di cartomante, e i due coniugi imprenditori, oggetto delle richieste estorsive per l’appalto da un milione di euro, bandito dal Comune di Mistretta, per lavori di valorizzazione e fruizione del patrimonio artistico sui 12 siti della “Fiumara d’arte”.

Secondo l’accusa fu Isabella Di Bella, approfittando del rapporto di fiducia instaurato, a mettere in contatto il titolare dell’impresa Pegaso di Brolo, vittima del tentativo di estorsione, con Pino Lo Re, suo congiunto, esponente del sodalizio mafioso della famiglia di Mistretta.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione