MESSINA IN PASSERELLA per NeMO SUD con Roy Paci

13 Maggio 2019 Culture

La VI edizione di “Messina In Passerella” è stata un successo. Circa 40.000 euro i fondi raccolti per sostenere il Centro Clinico NeMO SUD. 400 testimonial di solidarietà hanno sfilato sul palco del Teatro Vittorio Emanuele, anche sulle note di Roy Paci, musicista di grande sensibilità e tanto che ha voluto anche visitare la corsia del Centro.

La VI edizione di “Messina In Passerella” chiude con una raccolta fondi di circa 40.000 euro. Tutti i posti occupati, persino in II galleria, per applaudire i più di 400 messinesi che hanno voluto sfilare, divenendo così testimonial di NeMO SUD. Una festa che ha chiamato al Teatro Vittorio Emanuele davvero tantissime persone.
Particolarmente coinvolgente è stato l’intervento degli “artisti e creativi” della città dello stretto. Tra loro scrittori, poeti, pittori, scultori, danzatori, fotografi, art director, grafici, musicisti e cantanti. Questi ultimi hanno poi suonato “Toda joia, toda beleza” invitando sul palco Roy Paci – autore del brano ed ospite dell’evento – il quale ha fatto danzare più di 70 persone sul palco e cantare tutto il pubblico presente.
Un’esplosione di colore e sorrisi che è proseguita il giorno successivo in corsia, al NeMO SUD.
Il musicista ha infatti accettato l’invito di Fondazione Aurora Onlus (ente gestore del Centro) di visitare la corsia dove ad accoglierlo con affetto sono stati medici, operatori, pazienti e la vice presidente Daniela Lauro.
Tra i pazienti vi è Fabio, un bimbo molto piccolo affetto dalla rara Atrofia Muscolare Spinale ed in questi giorni al NeMO SUD proprio per ricevere l’unico farmaco esistente per questa patologia. Il Centro Clinico è infatti l’unico Centro autorizzato alla sua somministrazione.
Paci ha trascorso molto tempo con il bambino che ha davvero sembrato gradire la sua simpatia ed il suo sorriso. Non sono mancati gesti accudenti ed un grande interesse del musicista che ha avuto modo di conoscere anche la famiglia del piccolo paziente di NeMO SUD.

Roy Paci ha trascorso più di due ore in corsia scoprendo, con grande sorpresa, che tra i pazienti del Centro vi è anche Angelo, suo amico d’infanzia. I due non si incontravano da tantissimi anni. Angelo ha raccontato all’artista di come al NeMO SUD abbia finalmente trovato risposte alle sue domande.

La promessa del musicista, prima di andar via, è stata quella di ritornare presto a Messina, al NeMO SUD, per sostenerne le attività da testimonial ed amico.