MESSINA: La Polizia arresta uomo per tentato furto. Prova a rubare in casa di amici

15 Maggio 2019 Cronaca di Messina

Eseguito ieri dai poliziotti delle Volanti l’arresto a carico di Giuseppe OCCHINO, messinese, 36 anni, pregiudicato. L’uomo è ritenuto responsabile del reato di tentato furto aggravato in abitazione.  Abitazione che il trentaseienne conosceva bene perché di amici. Gli stessi che nella tarda serata di domenica lo hanno trovato in casa al rientro e ai quali ha giustificato la sua presenza raccontando di aver notato dalla strada le luci accese e visto un individuo, probabilmente di colore, con abiti scuri e cappuccio in testa, allontanarsi frettolosamente dallo stabile. Preoccupato ed insospettito, l’uomo non avrebbe esitato ad entrare nell’appartamento per assicurarsi che tutto fosse in ordine. La storia ha retto poco all’arrivo dei poliziotti che hanno subito notato che nessun segno di effrazione era presente e che, con ogni probabilità, chiunque fosse entrato nell’abitazione ne possedeva le chiavi. Le successive verifiche hanno confermato la scarsa attendibilità della versione raccontata evidenziando invece le responsabilità dell’uomo.  Dal racconto delle vittime è emerso, infatti, che lo scorso 12 maggio qualcuno aveva già fatto visita nell’appartamento asportando gioielli e altri valori anche in questo caso senza lasciare traccia e che da giorni una copia delle chiavi di casa era scomparsa. Chiavi peraltro recuperate in strada dai poliziotti nell’esatto punto indicato dal trentaseienne che sosteneva di aver visto il presunto ladro liberarsene durante la fuga. Gli agenti delle Volanti hanno quindi proceduto a perquisire l’uomo e ad estendere la perquisizione presso il suo domicilio rinvenendo, nel cassetto della camera da letto, proprio gli orecchini e l’anello rubati in casa delle vittime lo scorso 12 maggio. Si è, pertanto, proceduto all’arresto per furto in abitazione e alla denuncia per ricettazione a cui, nel corso delle indagini, si è aggiunta un’ulteriore denuncia per furto di energia​ elettrica dal momento che, durante la perquisizione, i poliziotti hanno constatato una manomissione del contatore poi confermata da personale Enel.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione