Riapertura Piazza Cairoli, Millevetrine: «Chi lo chiede o non è un commerciante oppure è in malafede»

15 Maggio 2019 Politica

«A Messina succede che un’associazione di commercianti, insieme a qualche migliaio di messinesi residenti e non, chiedano la pedonalizzazione definitiva della via dei Mille», così esordisce l’associazione Millevetrine a proposito della richiesta di riapertura al traffico di Piazza Cairoli avanzata dall’associazione Messina Incentro.

«E lo chiedono i primi perché le isole pedonali sono un vantaggio per il commercio, chi afferma il contrario o non è un commerciante oppure è in malafede, i secondi perché la qualità della vita in quei luoghi cambia radicalmente, la città e le persone si riappropriano di un territorio destinato al traffico veicolare ed ai parcheggi invece che, come è giusto che sia, alla libera fruizione di uno spazio conviviale immenso e che da grande visibilità a 90 fra le migliori attività commerciali cittadine».

«A Messina succede che un’associazione di commercianti chieda, insieme a 30 firmatari, di togliere l’isola pedonale di Piazza Cairoli, la piazza principale (o meglio la seconda dopo piazza Duomo) della città. Come se nel resto del mondo, dove le isole pedonali sono diventate il simbolo del nuovo modo di concepire le città e la loro la mobilità sostenibile, fossero tutti ignoranti o dementi. Solo a Messina le isole pedonali rovinano il commercio, e vorremmo conoscerli questi dati e come si è riusciti a estrapolare la flessione delle vendite in relazione alla crisi economica, i giganti del web ed i centri commerciali fuori porta».

«Ci auguriamo che l’attuale Amministrazione insieme ad un Consiglio comunale attento a queste tematiche, vogliano fare le scelte migliori, soprattutto in fase di modifica del PGTU, che rispettino il percorso intrapreso dai commercianti della via dei Mille e rispettino pure la volontà dei cittadini messinesi, che un isola pedonale vera e definitiva la vogliono e la meritano», concludono.