Messina: Celebrata la Festa dell’Arma 2019

5 Giugno 2019 Cronaca di Messina

Oggi 5 giugno 2019, nel corso della mattinata, in Messina presso la caserma “A. BONSIGNORE”, sede del Comando Interregionale Carabinieri “Culqualber” e del Comando Provinciale, si è celebrato il 205° anniversario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri.

La cerimonia militare si è svolta alla presenza delle più alte cariche istituzionali, civili, religiose e militari, con la partecipazione, oltre che del Prefetto di Messina, d.ssa Carmela Librizzi, dei Comandanti delle Legioni Carabinieri “SICILIA” e “CALABRIA”, rispettivamente rette dal Generale di Divisione Giovanni Cataldo e dal Generale di Brigata Vincenzo Paticchio, che hanno accompagnato il Comandante Interregionale Carabinieri “Culqualber”, Generale di Corpo d’Armata Luigi Robusto, massima autorità militare.

Alla manifestazione erano presenti rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma della provincia e dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Messina con il relativo Labaro.

Come nelle attese, sono stati proprio i giovani i protagonisti della Festa dell’Arma di quest’anno, quali attori principali della cultura della legalità e simbolo dell’ideale “passaggio di consegne” tra l’Arma di oggi e le future generazioni del domani.

Sono infatti intervenuti oltre 200 allievi delle scuole Elementari e Medie (degli Istituti comprensivi “Pascoli – Crispi”, “Galatti”, “Elio Vittorini” ed “Evemero da Messina”, dell’Istituto “Sant’Anna”) e degli Istituti Superiori cittadini (“Basile” e “Bisazza”). Uno schieramento di militari in Grande Uniforme Speciale ha reso gli onori alla Bandiera d’Istituto della Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria.

Dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e dell’Ordine del Giorno del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, ha preso la parola il Comandante Interregionale GEN. C.A. Luigi Robusto che dopo aver ringraziato le Autorità presenti e tutti gli intervenuti alla cerimonia, si è rivolto dapprima a tutti i rappresentati delle Istituzioni evidenziandone e confermandone il rapporto di leale, costante e concreta collaborazione avuto su tutto il territorio del Comando Interregionale (Sicilia e Calabria), citando fra l’altro il Prefetto di Messina, le FF.AA. e F.p.,  gli Enti locali, le associazioni Carabinieri e combattentistiche e d’Arma, nonché il ruolo centrale della chiesa, con i suoi parroci dislocati capillarmente sul territorio e vicino ai cittadini come i Comandanti delle Stazioni carabinieri, enumerando le principali attività svolte nel corso di quest’ultimo anno, attività che ha qualificato più che mai la missione dell’Arma e suggellato “lo Stato di diritto”, rappresentato in maniera sinergica.

Il Generale Robusto ha poi terminato il suo intervento rivolgendo – in occasione della sua ultima festa dell’Arma con questa divisa, che però porterà sempre dentro di sé – una lettera di saluto alle centinaia di bambini che hanno affollato il cortile della caserma, rivolgendo loro l’auspicio di “non smettere mai di sognare”, onorando sempre l’altro, il prossimo, il diverso ed imparare ad essere giusti per “imparare a giocare un a partita bella e onesta”…

Ha chiosato ricordando che “E’ stato magnifico e splendido essere vostro Comandante, vivere la vita del carabiniere, con l’intensità di un uomo, prima che un carabiniere, che crede ed ha sempre creduto e amato ciò che ho fatto, in ciascun giorno dei 50 anni dell’intera sua vita militare”.

E da ultimo il Generale Luigi Robusto ha concluso la propria allocuzione salutando i propri uomini e ribadendo loro che li ha amati come ha amato il  prossimo che ha servito, fatto soprattutto delle persone più umili, deboli e indifese …

A seguire, il Comandante Interregionale, in rappresentanza dei militari di tutti i reparti dell’arma che operano in SICILIA ed in CALABRIA ha premiato, con la concessione dell’Encomio Semplice, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania e del Gruppo di Locri (RC) distintisi in attività di servizio (allegasi le motivazioni delle ricompense).

Al termine della cerimonia, le scolaresche e tutti i cittadini intervenuti hanno potuto visitare uno stand allestito nell’adiacente Villa Mazzini, in cui sono stati esposti i mezzi di pronto intervento dei Carabinieri ed alcune unità cinofile dell’Arma, provenienti  da Catania e Palermo, hanno svolto delle dimostrazioni di ricerca di armi e stupefacenti.

 

ECCO I RICONOSCIMENTI CONCESSI

ENCOMIO SEMPLICE  DI COMANDO INTERREGIONALE

(NUCLEO INVESTIGATIVO DI CATANIA)

  1. Lgt. C.S. Massimo PICA (Addetto al Nucleo Investigativo)
  2. Lgt Luigi SCIUTO (Addetto al Nucleo Investigativo)
  3. Mar. Magg. Giulio COZZOLINO (Addetto al Nucleo Investigativo)
  4. Mar. Magg. Claudio Serafino RAPISARDA (Addetto al Nucleo Investigativo)
  5. Mar. Magg. Salvatore D’AGATA (Addetto al Nucleo Investigativo)
  6. Mar. Magg. Alfredo ALECCI (Addetto al Nucleo Investigativo)
  7. Mar. Ord. Marco CHIARENZA (Addetto al Nucleo Investigativo)

 

MOTIVAZIONE

 

“ADDETTI A NUCLEO INVESTIGATIVO DI COMANDO PROVINCIALE IN TERRITORIO AD ALTO INDICE DI CRIMINALITÀ ORGANIZZATA, EVIDENZIANDO ELEVATA PROFESSIONALITÀ, NON COMUNE SENSO DEL DOVERE E SPICCATO ACUME INVESTIGATIVO, FORNIVANO DETERMINANTE CONTRIBUTO A COMPLESSA E ARTICOLATA ATTIVITÀ D’INDAGINE NEI CONFRONTI DI SODALIZIO MAFIOSO CHE SI CONCLUDEVA CON L’ESECUZIONE DI ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE A CARICO DI DICIOTTO AFFILIATI, RESPONSABILI, A VARIO TITOLO, DI OMICIDIO E DISTRUZIONE DI CADAVERE, ESTORSIONI AI DANNI DI IMPRESE, RAPINE E SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI”.

Belpasso (CT), aprile 2015 – dicembre 2016.

 

ENCOMIO SEMPLICE DI COMANDO INTERREGIONALE

(GRUPPO DI LOCRI)

 

  1. Maggiore Rosario SCOTTO DI CARLO (Comandante Compagnia Locri)
  2. Capitano Domenico TESTA (Comandante del N.O.R.M. della Compagnia di Locri)
  3. Maresciallo Capo Aldo MONACO (Comandante della Stazione di Locri)
  4. Maresciallo Ordinario Alessandro PONZIO (addetto alla Stazione di Locri)
  5. V. Brig. Alessandro BRUSA (addetto alla Stazione di Locri)
  6. Car. Sc. Andrea TROPIANO (addetto alla Stazione di Locri)
  7. Car. Fabrizio LUCIFORA (addetto alla Stazione di Locri)
  8. Car. Giuseppe TRABUCCO (già addetto alla Stazione di Locri)

 

MOTIVAZIONE

 

“COMANDANTE DI COMPAGNIA E ADDETTI A STAZIONE DIPENDENTE IN TERRITORIO AD ALTO INDICE DI CRIMINALITÀ ORGANIZZATA, EVIDENZIANDO ELEVATA PROFESSIONALITÀ, NON COMUNE SENSO DEL DOVERE E SPICCATO ACUME INVESTIGATIVO, CONDUCEVANO COMPLESSA E ARTICOLATA ATTIVITÀ D’INDAGINE CHE SI CONCLUDEVA CON IL DEFERIMENTO DI 1.464 PERSONE, TRA TITOLARI E DIPENDENTI DI AZIENDE AGRICOLE, RESPONSABILI, A VARIO TITOLO ED IN CONCORSO TRA LORO, DI PECULATO, FALSITÀ IDEOLOGICA, TRUFFA AGGRAVATA E CONTINUATA IN DANNO DELL’UNIONE EUROPEA E DELL’I.N.P.S., MEDIANTE L’INDEBITA PERCEZIONE DI EROGAZIONI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI, PER UN DANNO ERARIALE DI OLTRE UNDICI MILIONI DI EURO”.

Locri (RC), gennaio 2016 – ottobre 2017.