MILAZZO: ARRESTATO DAI CARABINIERI PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA E VIOLENZA SESSUALE

12 Giugno 2019 Cronaca di Messina

I militari della Stazione Carabinieri di Milazzo , in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto – Ufficio del GIP, su richiesta della Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, a seguito delle indagini coordinate dal sostituto procuratore Dottoressa Caiazzo Sarah e dal Procuratore della Repubblica Dott. Emanuele Crescenti, hanno arrestato un giovane ventiseienne di origini milazzesi, O.E., ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. L’attività investigativa trae spunto da una denuncia querela della persona offesa, presentata il 14 gennaio 2019 presso la Procura della Repubblica, a seguito della quale venivano effettuati mirati accertamenti per riscontrare quanto denunciato. In particolare è stato ricostruito un ambiente domestico sconcertante nel quale la donna è stata costretta a vivere per anni. Nessuna possibilità di replica le è stata mai concessa dal
compagno, con il quale conviveva dal 2013 a seguito della nascita della figlia: la donna infatti, è stata forzata a subire rapporti sessuali, percossa e minacciata di morte anche alla presenza della figlia minore. L’attività d’indagine condotta nell’immediatezza dei fatti e coordinata dalla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto ha consentito di raccogliere, nel giro di qualche mese, un quadro indiziario grave e tale da consentire l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Nel pomeriggio di ieri, a seguito della misura cautelare emessa, i militari hanno arrestato l’uomo, che veniva tradotto presso il proprio domicilio, ove in atto si trova in attesa di essere interrogato dal GIP.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione