Puntavano ad un ingente patrimonio, tre rinviati a giudizio a Barcellona

29 Giugno 2019 Inchieste/Giudiziaria

Il gup del Tribunale di Barcellona, Salvatore Pugliese, ha chiesto il rinvio a giudizio per i tre componenti di una intera famiglia, il pubblicista Carlo Russo 74 anni, la moglie Rosaria Cioce 55 anni e il figlio Antonio Maria Russo di 22 anni, accusati di aver tentato di appropriarsi dell’ingente patrimonio, di oltre 3 milioni e mezzo di euro, della professoressa Anna Russo, la cui morte è avvenuta il 3 febbraio dello scorso anno.

Ai tre imputati il pubblico ministero Sarah Caiazzo contesta di «aver abusato dello stato di ridotta capacità dell’anziana», sottraendole denaro ed inducendola ad indicarli quali eredi universali del suo patrimonio attraverso la sottoscrizione di un testamento olografo ritenuto falso.