Messina: aggressioni, umiliazioni e minacce di morte, un 45enne arrestato dai Carabinieri per maltrattamenti in famiglia

8 Agosto 2019 Cronaca di Messina

I Carabinieri della Stazione di Messina Bordonaro hanno arrestato un 45enne messinese per il reato di maltrattamenti in famiglia, in esecuzione di ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Messina su richiesta della Procura della Repubblica di Messina che ha coordinato le indagini avviate dagli uomini dell’Arma su denuncia delle vittime. 

I protagonisti della vicenda sono due anziani genitori che hanno convissuto con il figlio persecutore per anni, durante i quali hanno subito minacce e continui atti di vessazione. Anni in cui hanno dovuto soffrire in silenzio, costretti a vivere la quotidianità in un clima di assoluta sottomissione e paura: il figlio, dopo aver ricevuto gratuitamente in uso dall’anziana coppia parte dell’immobile a loro intestato, li ha maltrattati, denigrandoli con frasi di ogni tipo e causandogli sofferenze morali ed un continuo stato di avvilimento e disagio, solo perché chiedevano giustificazione del motivo per cui arrecasse danni all’abitazione. Accecato dall’ira immotivata, l’uomo non ha esitato a proferire, nel tempo, minacce di morte, a compiere atti di indiscriminata sopraffazione fino al punto di afferrare il padre per il collo in modo tale da fargli perdere il respiro e causargli degli attacchi di tosse.

La pressante ed immotivata violenza unita alle sofferenze morali patite hanno aperto gli occhi all’anziana coppia e l’hanno finalmente convinta a denunciare. Gli uomini dell’Arma, coordinati dall’Ufficio di Procura, hanno ricostruito il clima di terrore in cui i coniugi sono stati costretti a vivere per anni ed ora sul 45enne grava la pesante accusa di maltrattamenti in famiglia per la quale è stato emesso il provvedimento cautelare. 

Va evidenziato che tale risultato è stato reso possibile dalla fiducia riposta dalle vittime nei confronti dell’Autorità Giudiziaria e delle FF.OO che ha consentito un rapido intervento a loro tutela, scongiurando il rischio di conseguenze ancor più gravi in danno dell’integrità fisica e morale.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione