Messina, caccia i clochard in diretta Fb: bufera sul sindaco De Luca

13 Agosto 2019 Cronaca di Messina

Bufera sul sindaco di Messina dopo la diretta sul suo profilo Facebook dello sgombero di alcuni clochard. Vengono ripresi mentre dormono su alcuni materassi appoggiati sul piazzale del Palacultura e vengono svegliati presumibilmente dagli agenti della Municipale (nessuno oltre i senza tetto viene ripreso nel video). Risveglio, sgombero, volti: tutto in diretta. Pubblicato sul profilo di Cateno De Luca in un post accompagnato con tono trionfale: “Palacultura: sgombero in corso dei nuovi padroni della struttura! Si inizia ad applicare l’ordinanza del sindaco De Luca!”.

L’ordinanza anti accattonaggio aveva fatto molto discutere nelle scorse settimane, una valanga di commenti sotto il video di utenti che sottolineano l’inopportunità delle presa diretta: “Questo video è vergognoso”, si legge in uno dei commenti. Polemici anche i sostenitori del sindaco: “Appoggio con entusiasmo le iniziative di De Luca e penso stia facendo molto per questa città ma questo video ve lo potevate risparmiare”, si legge in un altro post. E ancora: “Trovo giusto trovare posti alternativi  – scrive un’altra commentatrice – ma mettere queste cose in rete assolutamente No! Ogni essere umano ha diritto alla propria dignità”.

A polemizzare col sindaco anche il consigliere del Pd, Alessandro Russo che per protesta si era messo ai semafori a lavare i vetri delle macchine. De Luca alla provocazione aveva risposto con la prima diretta Fb in cui cacciava un lavavetri.” Questo è razzismo? No, voglia di fare rispettare il decoro urbano”, aveva detto durante la diretta il sindaco, lo scorso 7 agosto, sottolineando come l’uomo avesse sporcato l’area in cui sostava accanto al semaforo e liquidando le lcritiche sull’ordinanza come “critiche sterili, inutili e banali” di “moralisti da strapazzo”.

“Ha più dignità un clochard per strada che un sindaco che – per fare lo sceriffo coi poveracci – lo caccia per far vedere che ha le p…. Tirale fuori contro i Tir che strangolano Messina, De Luca”, ha così risposto alla nuova diretta Fb del sindaco, Russo, facendo riferimento al passaggio dei Camion in pieno centro, vietato da un’ordinanza sindacale spesso ignorata: i tir dovrebbero, infatti, essere imbarcati a Reggio Calabria per Tremestieri, sbarcano invece dalla rada San Francesco in concessione alla Caronte&Tourist: “Il Comune non ha né le forze né gli uomini per fare rispettare l’ordinanze”, questa era stata la risposta scritta di De Luca all’interrogazione presentata dal consigliere Russo. Che continua: “C erti metodi di visibilità e di condotta amministrativa sono da condannare senza alcuna possibilità di attenuanti. Ancora una volta, De Luca utilizza una inusitata forza nei confronti dei più deboli per fare spolvero mediatico mentre nulla si muove, né in termini di atti concreti, né in tema di visibilità social su temi molto più seri ed importanti per la vera vivibilità della città, come la non applicazione da parte di armatori pubblici e privati del divieto di attraversamento della città da parte dei Tir. Su questo fronte, il silenzio da mesi; evidentemente nessuno a Palazzo Zanca vuole disturbare i manovratori”, conclude Russo.

“Al netto di norme e ordinanze, trovo il metodo assolutamente squalificante – interviene anche Antonio De Luca, deputato regionale dei Cinquestelle – sia per la città che per chi subisce questo comportamento, un conto è essere invitato a lasciare la postazione, altra cosa è questa spettacolarizzazione in diretta Facebook, se la poteva risparmiare: un essere umano non può essere trattato così, bianco, nero, verde, vagabondo, non è accettabile ledere in questo modo la dignità umana, senza se e senza ma, come piace dire a lui. Molti cittadini hanno provato disagio a vedere questo video”.