Craig Warwick svela i motivi del suo ricovero a Messina: “Ho avuto una rarissima forma di trombosi, sarei potuto morire”

12 Settembre 2019 Cronaca di Messina

Dopo essere stato dimesso dal Policlinico di Messina, Craig Warwick ha reso noto le ragioni del suo ricovero a fine agosto. L’ex concorrente de “L’Isola dei famosi” ha raccontato su Instagram di avere avuto una rara forma di trombosi. Tutto è nato dopo aver fatto le analisi del sangue: “Vengo raggiunto da una telefonata della dottoressa che mi avverte di un pericolo urgente; la mia emoglobina è sotto i 6 punti, la mia vita è a rischio, potrei morire in qualunque istante”.

Dopo quella telefonata sarebbero stati gli amici di Craig a chiamare un’ambulanza: “Mi trasportano all’ospedale di Milazzo e solo dopo poche ore mi ritrovo con un ago nel braccio e una sacca di sangue che scorre nelle mie vene. E la prima cosa che ho pensato è stata: chi ha donato quel sangue? Quanta vita e quanto amore in una sola sacca da mezzo litro. Grazie a tutti i medici di Milazzo che solo dopo pochi giorni, mettendo la mia vita in salvo decidono di trasferirmi al Policlinico di Messina per capire cosa ha causato tutta questa perdita di sangue”.
Craig ha raccontato che “dopo tre settimane viene diagnosticata una forma rarissima di trombosi in più parti delle vene dell’intestino”. Ma ora è stato dimesso ed è tornato a casa ma dovrà sottoporsi a regolari controlli. Ha quindi ringraziato i medici che gli hanno salvato la vita: “Non smetterò mai di ringraziare i medici e il personale del Policlinico che mi hanno fatto sentire a casa. Adesso comincia per me un percorso di cure e controlli costanti ma desidero ringraziare tutti voi amici miei, i vostri messaggi ed il vostro calore mi farà superare tutti gli ostacoli”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione