Eventi culturali, Mli contro Pippo Scattareggia: “Perché li presenta la sua compagna?”

13 Settembre 2019 Culture

Il Mli, “movimento liberi insieme” punta il dito contro l’assessore allo Spettacolo e alle Tradizioni locali Pippo Scattareggia, e contro la sua compagna, Helga Corrao.

“Da oltre un anno, attenzionando i vari comparti e dipartimenti municipali – scrivono i responsabili del coordinamento giovanile del movimento Adele Bonfiglio, Jonny Centorrino ed Iside Bombaci – ci siamo resi conto di un’anomalia: nel programmare iniziative, seppur non proprio di alto profilo, risulta difficile non ritrovare sul palco la compagna dell’assessore preposto durante le diverse manifestazioni invernali o estive patrocinate dal Comune di Messina, nelle vesti di soubrette, valletta, presentatrice, cantante o attrice (ruolo che Helga Corrao svolge comunque a titolo gratuito, ndr).

“Non si discutono le qualità artistiche, ce ne guarderemmo bene – chiariscono i tre – ma non riusciamo a maggior ragione  a comprendere perché, il Comune di Messina non abbia proceduto o non proceda con avviso pubblico per selezionare giovani talenti da proporre sui palcoscenici cittadini e far conoscere alla Città gratuitamente”. E per avere una risposta, si rivolgono al consiglio comunale: “La preghiera, quindi, rivolta al Consiglio comunale tutto, secondo le proprie prerogative istituzionali, di intervenire immediatamente per porre fine a questa gestione della programmazione degli eventi cittadini”.

Helga Corrao, insegnante, è nel direttivo di Sicilia Vera, partito fondato da De Luca, e alle regionali del 2017 si è presentata sotto le insegne dello scudo crociato dell’Udc.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione