Traffico di droga tra Nebrodi, Barcellona e Milazzo: definitive 10 condanne

13 Settembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Diventano definitive le dieci condanne per il troncone dei giudici abbreviati dell’operazione Triade, decise dalla Corte d’appello di Messina nel luglio del 2018. Questo perché la 6° sezione penale della Cassazione – come scrive Gazzetta del Sud – ha rigettato ieri sera tutti i ricorsi presentati dai difensori degli imputati.

Si tratta dell’indagine che nel 2017 portò alla scoperta di una fiorente attività di spaccio di droga tra i Nebrodi, Tortorici in particolare e la zona tirrenica (Barcellona e Milazzo).

Ecco le condanne definitive: Carmelo Galati Massaro, di Tortorici, 8 anni ; il fratello Sebastiano Galati Massaro, di Tortorici, 6 anni e 8 mesi; Antonio Musarra Pecorabianca, di Tortorici, 6 anni e 10 mesi; Giuseppe Aricò, di Barcellona, 8 anni; Filippo Biscari, di Barcellona, 9 anni; Giuseppe Cammisa, di Mazzarrà Sant’Andrea, 2 anni e 4 mesi; Giuseppe Lo Presti, di Terme Vigliatore, 2 anni e 4 mesi. Condanne definitive, a 2 anni e 4 mesi, anche per Francesco “Carmelo” Salamone, ex consigliere comunale di Terme Vigliatore, e poi a un anno per Veronica Lombardo Pontillo e Antonino Costanzo Zammataro , entrambi di Tortorici.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione