Inquinamento ambientale a Messina, sequestrato il depuratore Irsap

14 Settembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Il gip di Messina ha disposto il sequestro del depuratore dell’area Irsap, utilizzato da alcune industrie della città tra cui quella che produce la birra che prende il nome dalla città dello Stretto.

Il provvedimento è stato chiesto dalla Procura, guidata dal procuratore Maurizio De Lucia, al termine di una indagine che ha accertato che a causa del cattivo funzionamento dell’impianto una serie di fabbriche sversavano in mare i rifiuti.

Alle industrie è stato dato un termine di 10 giorni per mettersi in regola. Il sequestro è stato eseguito dai vigili urbani, sezione tutela del Territorio. Il depuratore veniva utilizzato per fare confluire i reflui delle attività che operano nell’insediamento artigianale nella rete fognaria comunale.

Soddisfatto il sindaco di Messina Cateno De Luca: «L’amministrazione comunale – dice – esprime grande apprezzamento per l’intervento della magistratura che ha confermato, con questo provvedimento cautelare la strada intrapresa dal Comune di Messina per la tutela ambientale era corretta e soprattutto attentamente ponderata».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione