Droga fra Messina e la Calabria, pesanti condanne per lo spaccio a Valle degli Angeli

7 Ottobre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Condanne pesantissime, in alcuni casi oltre le richieste dell’accusa, nel processo per l’operazione «Fortino» su una banda di messinesi e calabresi che spacciavano droga.

Il gup Simona Finocchiaro ha deciso dieci condanne dai 7 ai 20 anni di reclusione per il gruppo che a Valle degli Angeli aveva organizzato in redditizio traffico di droga. In un caso il gup ha inviato gli atti al pm per “fatto diverso a quello contestato”.

LE CONDANNE

20 anni di reclusione per Francesco Arena e Michele Arena, 11 anni ad Antonio Bonanno, 8 anni e 5 mesi per Filippo Cannavò, 7 anni e 8 mesi per Ugo Carbone, 8 anni e 8 mesi per Paolo Mercurio, 11 anni e 8 mesi per Angelo Mirabello, 8 anni e 2 mesi per Francesco Paolo Musolino, 7 anni a Mario Orlando, 7 anni e  mezzo per Pietro Raffa.

Il pm Federica Rende aveva chiesto per l’accusa all’udienza scorsa pene per 120 anni di carcere.

In particolare il pubblico ministero ha chiesto la condanna a 20 anni, per Francesco Arena mentre 18 anni è la richiesta per Michele Arena. Inoltre il pm ha chiesto 8 anni per Paolo Mercurio, Mario Orlando e Pietro Raffa. Infine chiesti 3 anni e 4 mesi per Santoro Rosaci. Chiesti inoltre 12 anni per Antonio Bonanno, Filippo Cannavò e Ugo Carbone, mentre 10 anni sono stati chiesti per Angelo Mirabello e Paolo Francesco Musolino.

Il processo è scaturito da un’indagine della Squadra Mobile che a gennaio scorso è sfociata in 17 arresti.

 

FOTO E DETTAGLI – MESSINA, OPERAZIONE ANTIDROGA ‘FORTINO’. TUTTI I NOMI

 

MESSINA, L’OPERAZIONE ‘FORTINO’: IL GIP MASTROENI, ‘VICO FEDE 4 E’ ANTISTATO MA ANCHE VITE SENZA SPERANZE’