“Stazioni sicure”, due arrestati (di cui uno a Messina) e due minori tunisini rintracciati

7 Ottobre 2019 Cronaca di Messina

Sono 360 gli identificati, tra cui due arrestati (uno a Messina e l’altro a Palermo) e due minori rintracciati sul treno. Questo il bilancio dell’operazione “Stazioni sicure”, che ha visto impegnati 76 operatori della Polizia Ferroviaria in 96 stazioni siciliane.

I capillari controlli della Polizia Ferroviaria hanno interessato principalmente i viaggiatori e i bagagli al seguito. Grazie all’uso di smartphone in grado di interrogare le banche dati in tempi brevissimi nonché dei metal detector, le pattuglie impiegate in stazione hanno controllato 82 bagagli da cui non sono emerse criticità.

L’atteggiamento sospetto di due viaggiatori nelle stazioni di Palermo e Messina ha, invece, indotto i poliziotti ad approfondire i controlli su di loro tanto che gli stessi sono risultati essere ricercati per l’esecuzione di ordini di carcerazione emessi dalle Procure della Repubblica presso i tribunali di Lucca e di Lecco.

Due invece i minori rintracciati dalla Polfer di Messina su di un treno in viaggio tra Palermo e la città dello Stretto. I due, tunisini, di 14 e 12 anni, si erano arbitrariamente allontanati dalla comunità presso cui erano collocati, facendo perdere le proprie tracce. Su disposizione del Tribunale dei Minori, i ragazzi sono stati riaffidati alla stessa comunità.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione