Messina: Sequestrato esemplare di tonno rosso posto in commercio privo di documenti di cattura e tracciabilità

5 Novembre 2019 Cronaca di Messina

Nella giornata del 04.11.2019, la Capitaneria di Porto di Messina, ha condotto un’operazione complessa rivolta alla salvaguardia di alcune specie ittiche a rischio di estinzione, la cui cattura è consentita sono in alcuni periodi dell'anno. Gli uomini della Guardia Costiera hanno operato sul territorio comunale di Messina, provvedendo ad eseguire accertamenti mirati alla vendita, al trasporto ed alla commercializzazione di prodotti ittici, con l’ausilio di pattuglie dislocate agli imbarcaderi e lungo le vie cittadine, verificando molteplici esercizi commerciali preposti alle
vendita di pesce. L’attività, orientata sia a rintracciare le specie protette che a contrastare varie attività illecite inerenti il settore della pesca, è stata svolta seguendo una strategia operativa finalizzata anche alla tutela del consumatore finale. Nella fattispecie si provvedeva a verificare lo stato di conservazione, la tracciabilità, la provenienza, la scadenza e di tutto quanto stabilito dalla normativa vigente, sia dei prodotti freschi che di quelli congelati. I controlli esperiti dai militari operanti hanno permesso di effettuare il sequestro amministrativo di circa 30 Kg di prodotto ittico della tipologia Tonno Rosso (Thunnus thynnus), grande pesce pelagico appartenente alla famiglia “Scombridae”, del quale non è stato possibile tracciarne la provenienza, perché privo sia di fattura di acquisto che del bdc (documento attestante la cattura) e di conseguenza di qualunque certificazione sanitaria a corredo, e quindi comminare una sanzione amministrativa pari a circa euro 2.600,00. Infine, il prodotto sequestrato è stato distrutto e smaltito a spese del trasgressore.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione