Truffe Inps a Messina: udienza preliminare per 36 tra medici, avvocati e pazienti

8 Novembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Sono trentasei gli indagati che vanno al vaglio preliminare dell’ultima inchiesta della Procura messinese sulle truffe Inps. Alla fine degli accertamenti, che hanno messo sotto la lente ben 96 persone tra falsi invalidi, avvocati, medici, gestori di patronati e “faccendieri”, il sostituto procuratore Rossana Casabona, titolare del caso, ha diviso il fascicolo in più faldoni e per 36 indagati ha formulato la richiesta di rinvio a giudizio. Richiesta che sarà esaminata dal Giudice per l’udienza preliminare Salvatore Mastroeni a partire dal prossimo 11 marzo.

Ecco l’elenco. Si dovranno presentare davanti al Gup Mastroeni a marzo del 2020, oltre a Giovanni Grassi, i gestori di patronati Franco Poeta, Giuseppe Galletta e Luigi Spignolo; gli avvocati Patrizia Cacioppo, Giuseppina Iaria e Roberta Pellicanò.

Ancora, i medici Carlo Casile, Claudio Dispenzieri, Vincenzo Isola, Pietro D’Alessandro, Fabrizio Ciappina, Francesco Abramo, Roberto Calvo, Gian Placido De Luca, Claudio Mario Italiano, James Carmelo Scaffidi, Giovanni Pellegrino, Pippo Spatola, Alessandro Grippa, Antonino Trovato;

i pazienti Michele Fonte, Aldo Giuttari, Barbara Immormino, Giuseppe Arrigo, Maurizio La Malfa, Domenico Mendolia, Carmela Puglisi, Pasqua Augliera, Santa Berenato, Carmelo Longo e Antonino Girone; i Consulenti del Tribunale Nicola Zanghì, Francesco Rando, Antonello Tommasini; il dipendente Inps Giovanni Siracusano.

L’indagine racconta di fatti che vanno dal 2009 al 2014 e i medici interessati operavano nelle strutture pubbliche di Messina, Milazzo, Patti e Barcellona.

I capi di imputazione elencati dalla Procura sono ben 296 e alcuni sono ancora coperti dagli omissis, mentre in alcuni dei reati contestati “visibili” vengono fuori nomi di altri indagati per i quali “si procede separatamente”. Ciò vuol dire che l’inchiesta non è affatto finita qui e promette ulteriori clamorosi sviluppi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione