MALTEMPO. DANNI IN MOLTI PUNTI DELLA CITTA’, TECNICI AL LAVORO E DISAGI NELL’EROGAZIONE IDRICA IN ALCUNE ZONE

13 Novembre 2019 Senza categoria

Condotte danneggiate, alberi e pali elettrici divelti dalla furia del vento e dalle piogge prolungate hanno danneggiato serbatoi e impianti. Distribuzione ridotta nelle zone di Viale Aranci, Via Seminario estivo, Rione Ogliastri, via Manzoni, piazza Martiri D'Ungheria, Villa Lina e zona Chiesa S. Domenico, Fondo Galletta e Torrente Trapani alto. Problemi anche a Santa Margherita, Gesso Locanda e San Saba.
Durissimo il bilancio dei danni che il maltempo delle ultime 36 ore ha causato alle reti idriche e fognarie che servono la città di Messina e agli impianti che alimentano la distribuzione in rete dell'acqua. Condotte esplose o fessurate in più punti, alberi e pali elettrici divelti per le piogge che hanno reso fragile il radicamento e il forte vento che li ha fatti rovinare in prossimità di impianti o sui cavi che consentivano il pompaggio dell'acqua in alcune zone. I tecnici di AMAM sono al lavoro in tutta la città ma, con le avverse condizioni meteo, è una lotta contro il tempo intervenire per il ripristino e ciò comporta, purtroppo, la sospensione della distribuzione in rete, per consentire di riparare in sicurezza.Il bollettino 'aggiornato' restituisce una mappa del disagio che vede: la riparazione di un lungo tratto di condotta, interessato ieri da un'imponente perdita d'acqua, lungo la via Palermo, a partire dal n. civico 249,  che comporterà il posticipo dell'apertura del serbatoio S. Licandro alla tarda serata di oggi, per consentire di ultimare i lavori in sicurezza e con il presidio della Polizia Municipale, già a partire dalle 7.00 di oggi, per garantire l'interdizione del traffico nel tratto interessato dalle operazioni.Le zone in cui l'erogazione è dunque sospesa sono: Viale Aranci, Via Seminario estivo, Rione Ogliastri, via Manzoni, piazza Martiri D'Ungheria, Villa Lina e la zona adiacente la Chiesa S. Domenico.Ancora in corso e si protrarranno nel pomeriggio, i lavori nella zona di Torrente Trapani / via delle Mura, a causa della rovinosa caduta di due alberi sui cavi dell'energia elettrica che alimentano il serbatoio Trapani, che a sua volta serve le abitazioni di Fondo Galletta e Torrente Trapani alto, dove si riscontreranno dunque problemi di erogazione idrica per l'intera giornata di oggi. I tempi di distribuzione, infatti, dipendono dai tempi di intervento di ENEL nel riattivare l'energia, essendo anche il gestore elettrico impegnato a riparare i danni del maltempo in tutto il comprensorio cittadino.Segnalazioni e problemi sono stati riscontrati questa mattina anche nella zona nord della città (Gesso Locanda e San Saba) e nella zona sud (in particolare a Santa Margherita), in cui le forti piogge hanno invaso impianti e reti idriche e fognarie, impegnando i tecnici AMAM nelle relative operazioni di ripristino delle funzionalità."Confidiamo nella comprensione di tutti i cittadini - afferma il presidente di AMAM, Salvo PUCCIO - in presenza di agenti atmosferici di portata eccezionale che hanno flagellato il territorio messinese e danneggiato i nostri impianti, richiedendo simultaneamente, a macchia di leopardo, l'intervento dei tecnici sia sulle reti idriche che fognarie. Stiamo facendo di tutto per limitare i tempi di ripristino e ci scusiamo sempre per i disagi".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione