I nomi – Droga per il carcere: 36 arresti tra Salerno e Messina

19 Novembre 2019 Cronaca di Messina

I Carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della locale procura della Repubblica, nei confronti di 36 indagati. Sono ritenuti responsabili di detenzione e spaccio di cocaina, hashish, marijuana e droghe sintetiche nei comuni dell'area oplontina nonché in diverse città delle province di Napoli, Salerno e Messina. Oltre 700 le condotte contestate. Le consegne dello stupefacente avvenivano prevalentemente a domicilio, previa richiesta telefonica. Alcune dosi erano destinate alle carceri di Salerno e Lanciano. Il giro di affari ammontava a migliaia di euro al giorno.

Ecco tutti i nomi dei 21 indagati, tra loro ci sono anche delle donne:

  • Guido Sabatino
  • Marco Sabatino
  •  Luigi Memoli
  • Mario Memoli
  • Francesco Raglia
  • Maurizio Landi
  • Gerardo Landi
  • Matteo Coscia
  • Luca Luordo
  • Giovanni De Feo
  • Youssef El Gassab
  • Alessandro Cannavò DiSalvatore

Questi sono i profili degli indagati finiti in carcere. Mentre ai domiciliari si trovano:

  • Giuseppe Farace;
  • Moreno Russo;
  • Angelo Maria Ricciardelli;
  • Giovanni Canale;
  • Francesco D’Orso;
  • Alfonso Adinolfi;
  • Mario Viviani

È scattato invece il divieto di dimora in tutta la provincia di Salerno per:

  • Ciro Novella
  • Francesco Novella

Infine, sono stati sequestrati 6mila euro in contanti avvolti all’interno del cellophane.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione