#FOTO E VIDEO – È strage – Esplosione in una fabbrica di fuochi pirotecnici a Barcellona: cinque morti

20 Novembre 2019 Cronaca di Messina

Quattro morti accertati e quattro feriti. E’ questo al momento il bilancio dell’esplosione nella ditta di fuochi d’artificio di Barcellona Pozzo di Gotto. Un bilancio che potrebbe mutare viste le gravi condizioni di alcuni feriti. A morire per l’esplosione due impiegati di una ditta esterna che stava svolgendo lavori di manutenzione all’interno della ditta Costa, e la moglie del proprietario della ditta, Venera Mazzeo. Tra i feriti gravi anche il figlio del proprietario, Antonio Costa, trasferito d’urgenza a Palermo, gli altri sono stati invece trasferiti all’ospedale di Milazzo. “Dai primissimi accertamenti – dice
Giancarmine Carusone comandante della compagnia dei carabinieri di Barcellona  – sembra ci siano state due esplosioni perchè all’interno della fabbrica c’erano degli operai con delle saldatrici: le scintille avrebbero raggiunto la polvere pirotecnica causando le esplosioni”.

L’incendio avrebbe avuto cause accidentali, secondo una prima ricostruzione, ancora da verificare, una ditta esterna stava effettuando lavori di messa in sicurezza della fabbrica, durante il posizionamento di alcuni cancelli una disattenzione nella saldatura avrebbe fatto partire delle scintille arrivate su un casotto che custodiva fuochi d’artificio. Una vera e propria onda d’urto si è propagata dal primo casotto a quelli circostanti. Immediato l’intervento dei Vigili del fuoco di Messina che sono ancora al lavoro per spegnere del tutto l’incendio. Si cerca ancora un disperso.

La ditta di Fuochi d’artificio aveva già subito una vasta esplosione una ventina d’anni fa, in quell’occasione non c’erano stati morti. La procura di Barcellona Pozzo di Gotto, guidata da Emanuele Crescenti, ha aperto un’inchiesta, e stanno già sentendo le prime testimonianze.

 

In aggiornamento 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione