Cesarò (ME): i Carabinieri controllano due aziende zootecniche. Denunciati i titolari e sottoposti a sequestro di 48 capi di bestiame, per violazioni amministrative

5 Dicembre 2019 Cronaca di Messina

Ieri mattina, nell’ambito di specifici servizi volti al contrasto degli illeciti in materia ambientale e sanitaria, i militari della Stazione di Cesarò (ME) unitamente ai Carabinieri del “N.I.P.A.A.F.”, il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale con sede a Catania, hanno eseguito dei controlli in due aziende zootecniche nel comune di Cesarò.

Nel corso dei controlli i Carabinieri hanno accertato che all’interno delle stalle erano presenti delle condotte di scarico delle acque prive delle necessarie autorizzazioni ed inoltre hanno verificato la presenza di animali sprovvisti di contrassegni identificativi. Pertanto, con l’intervento di personale veterinario dell’ASP di Taormina, hanno proceduto al sequestro sanitario cautelativo di 45 suini e 3 equini, presenti all’interno delle aziende, poiché privi di marchio auricolare e bolo identificativo.

Al termine degli accertamenti i Carabinieri hanno deferito all’Autorità Giudiziaria una trentenne ed un sessantenne, titolari delle aziende agricole, per l’ipotesi di reato di scarico non autorizzato di acque reflue e gestione illecita di rifiuti liquidi procedendo al sequestro penale delle condotte di scarico abusive ed inoltre hanno contestato violazioni amministrative per un importo complessivo di quasi 23 mila euro, sottoponendo a sequestro sanitario le due aziende.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione