LUPARA BIANCA, L’OMICIDIO DI SALVATORE CHIOFALO: DECISA COMPARAZIONE PROFILI DI DNA

5 Dicembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Disposta dalla Procura di Barcellona la comparazione dei profili di Dna ritrovati sulla pistola e sugli stracci che avvolgevano l’arma ritenuta essere stata nella disponibilità dell’allevatore Santino Cicciari nell’elimiazione del suo collega e rivale Salvatore Chiofalo. Ne dà notizia la Gazzetta del sud con un articolo di Leonardo Orlando. La comparazione, che sarà effettuata da un consulente tecnico di Bologna, avverrà con i campioni prelevati in questi giorni a un gruppo di persone vicine all’indagato e alla stessa vittima di lupara bianca. Ad eseguire i prelievi di saliva sono stati i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Barcellona su richiesta del pm Matteo De Micheli. I tamponi con le tracce biologiche sono state effettuate fino ad adesso su 15 persone in maggioranza parenti e soggetti vicini all’allevatore di Migliardo, Santino Cicciari, 37 anni, il quale resta l’unico indagato per omicidio e distruzione di cadavere a seguito dell’episodio di ‘lupara bianca’ ai danni del giovane Salvatore Chiofalo, fatto scomparire sulle alture della frazione Migliardo nella mattinata del 27 agosto del 2015, quando ancora aveva 33 anni. Gli stessi profili biologici che risulteranno dai prelievi saranno con molta probabilità comparati anche con i profili di dna che risulteranno eventualmente dal successivo accertamento tecnico non ripetibile che sarà effettuato sul fuoristrada di proprietà dell’allevatore indagato, automezzo sottoposto da un mese a sequestro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione