Messina, morta a dieci anni: condannata la madre per omicidio stradale

7 Dicembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Morta a dieci anni, schiacciata dalle ruote di un autocompattatore, oggi la sentenza di primo grado del Tribunale di Messina – com scrive Manuela Modica su Repubblica – ha riconosciuto la colpevolezza della madre, condannata ad un anno per omicidio stradale. La piccola, Laura Lombardo, è morta il 10 dicembre del 2016, 4 giorni prima del suo decimo compleanno. Quel giorno si trovava sul motorino con la madre – motorino senza assicurazione di proprietà del figlio in carcere -, la donna con un sorpasso si infilava tra due camion, quello di Messinambiente agganciava la ragazzina che veniva trascinata sotto le ruote dell’autocompattatore.

Trasportata al Policlinico, ma per la piccola era già troppo tardi. Inizialmente era stato indagato il conducente del mezzo, per il quale la procura aveva poi chiesto l’archiviazione, chiedendo, invece, il giudizio per la madre, oggi riconosciuta colpevole di omicidio stradale ma con tutte le attenuanti del caso. La giudice, Maria Vermiglio, ha anche riconosciuto la provvisionale al padre della bambina. La piccola Laura viveva con lui, da poco la madre si era riavvicinata e quel giorno l’aveva portata fuori per comprarle un paio di scarpe in vista del suo compleanno.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione