Un’associazione antiracket avrà uno sportello al comune di Messina

10 Dicembre 2019 Cronaca di Messina

L’associazione Antiracket avrà uno sportello dentro gli Uffici del Comune di Messina. Lo ha annunciato ieri, dopo una riunione, il sindaco Cateno De Luca.

“Questa sera Giuseppe Ruggeri, presidente della costituenda associazione anti racket di Messina, insieme alla Vice Presidente dott.ssa Mobilia, sono venuti a parlare della importanza di fare sentire alle vittime del racket e dell’usura la presenza delle istituzioni e degli operatori qualificati a fornire un sostegno psicologico, prima ancora che legale.
Ho espresso piena adesione alle loro idee e mi sono reso disponibile a concedere, a titolo di comodato d’uso gratuito, una stanza all’interno degli uffici comunali dove potere accogliere e ricevere le vittime.
La richiesta di avere una stanza all’interno dei locali comunali nasce dall’esigenza di garantire a chi chiede sostegno e aiuto un luogo di incontro neutro, che non desti l’attenzione di chi esercita il racket e tiene sotto controllo le sue vittime.
Ma oltre a questa esigenza, c’è una finalità morale, che è quella di dare un segnale di vicinanza fattiva e concreta agli imprenditori che si trovano vittime del racket. Ed è per questa ragione che non appena l’Associazione sarà costituita inviterò tutte le Società Partecipate ad associarsi perché contro il racket e l’usura il Comune si schiera a fianco degli imprenditori e delle persone vessate. Senza se e senza ma”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione