Daspo al consigliere Parisi: “Sorpreso, sono del tutto estraneo alla vicenda”

12 Dicembre 2019 Cronaca di Messina Sport

Non si è fatta attendere la reazione del consigliere comunale Parisi che questa mattina è stato raggiunto dal Daspo, un provvedimento amministrativo deciso dal questore Calvino in seguito all'esposizione, durante il derby Acr Messina-Fc Messina, di uno striscione gravemente offensivo contro un cronista della Gazzetta del Sud.

E' con profondo stupore che ho appreso di essere stato colpito da un provvedimento di Daspo, per fatti, certamente spiacevoli, verificatisi all’interno dello stadio Franco Scoglio, in occasione dell’incontro calcistico A.C.R. Messina-FC Messina, data 3 novembre 2019. Trattasi di una vicenda che mi vede del tutto estraneo. Chi mi conosce sa che amo da sempre lo sport ed il calcio in particolare e che la violenza, in ogni sua forma e manifestazione, non mi appartiene. Mai, quindi, avrei immaginato di poter essere coinvolto in vicende di questo genere. Probabilmente ho peccato di ingenuità, forse di superficialità, ma è certo che non è mai stata mia intenzione arrecare offesa ad alcuno. È per queste ragioni che, pur con il rispetto da sempre nutrito nei confronti della Autorità, non posso esimermi dal respingere l’addebito e chiedere che si faccia chiarezza sull’accaduto. E ciò anche al fine di bloccare sul nascere eventuali strumentalizzazioni della vicenda. Ho, quindi, già conferito mandato al mio legale di fiducia perché, previo accesso agli atti, chiarisca i fatti che, ripeto, mi vedono del tutto estraneo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione