INCREDIBILE: NICOLA PIOVANI IN CONCERTO? PER SCATTAREGGIA E’ MEGLIO IL BODY BUILDING…

16 Dicembre 2019 Culture
Nelle foto di Enrico Di Giacomo alcune immagini del concerto di ieri sera.
Succede anche questo a Messina, dove nei giorni scorsi si è riusciti a far fallire l'allestimento del Natale in Piazza (Cairoli), dove averlo presentato precedentemente come l'evento del secolo. Succede che uno dei concerti più attesi (e da tempo programmati e annunciati) della stagione concertistica in città, quello del premio Oscar Nicola Piovani, rischi di saltare perchè l'assessore comunale allo spettacolo ha pensato bene di programmare lo stesso giorno, nello stesso luogo, una manifestazione di body building, tra lo (s)concerto e la sorpresa degli organizzatori dell'evento musicale che oggi hanno voluto rendere pubblico l'accaduto.
Il Presidente dell’Associazione Musicale “Vincenzo Bellini”, Giuseppe Ramires (foto), in una nota stampa, esprime forte stupore per quanto sarebbe avvenuto in occasione del concerto di Nicola Piovani, premio Oscar per la colonna sonora del film di Roberto Benigni “La vita è bella”, svoltosi domenica 15 dicembre presso l'Auditorium del Palazzo della Cultura.
«Sembra infatti – afferma il Presidente Ramires – che il prestigioso evento, organizzato dall'Accademia Filarmonica di Messina, e che ha fatto registrare un significativo sold out, abbia rischiato seriamente di saltare. L'Assessore Comunale allo Spettacolo Giuseppe Scattareggia, forte del suo ruolo, voleva la disponibilità della sala per organizzare una manifestazione di body building (nella foto la locandina), poi ridotta alla sola giornata di sabato, ma con esiti ugualmente molto problematici per lo spettacolo che necessitava di un imponente lavoro di allestimento – sottolinea il Presidente Ramires –.

[gallery ids="95906"]

L'Amministrazione Comunale ha in parte rimediato con la presenza dell'Assessore alla Cultura Enzo Caruso, che alla fine del concerto ha consegnato una targa al Maestro Piovani». «Va detto, non a margine – prosegue il Presidente –, che gli organizzatori del bodybuilding, sponsorizzati dall'Assessore Scattareggia, hanno lasciato sporco l'Auditorium, contravvenendo all'obbligo, sancito anche dal recente regolamento comunale, di ripulire i locali dopo ogni evento». Il Presidente della “Bellini” ancora una volta invita l’Amministrazione Comunale a prestare maggiore attenzione alle realtà culturali presenti sul territorio: «Oltre che sull'effettiva adeguatezza dell'Assessore allo Spettacolo – evidenzia –, interrogativi si pongono sulla volontà dell'Amministrazione Comunale, che afferma di voler rilanciare Messina, anche attraverso la cultura, e poi nei fatti si rivela distratta e assente nei confronti di quegli operatori, come le tre storiche associazioni concertistiche, che non solo fanno da decenni cultura di grande livello ma contribuiscono anche, e in modo rilevante, all'economia di settore, attirando contributi pubblici che vengono in buona parte reinvestiti nel territorio di Messina». Da trent'anni, l'Accademia Filarmonica e l'Associazione “Bellini” presentano un unico cartellone di concerti, con abbonamenti a prezzo “politico”, che ha sempre riscosso un grande successo presso il pubblico messinese.
IL VIDEO

 

[embed]https://www.facebook.com/AssociazioneBellini/videos/1395002787344194/[/embed]

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione