A Taormina le Fantasie di Natale di Giovanni Renzo

26 Dicembre 2019 Culture

Il 26 e 27 dicembre alla Casa del Cinema alle ore 18:30 e il 29 dicembre al Teatro Spasimo di Palermo sempre alle 18:30 Fantasia di Natale, una meravigliosa antologia di film muti a tema natalizio, con accompagnamento musicale di Giovanni Renzo al pianoforte.

In coproduzione con Orchestra Jazz Sicilia.  

Il progetto organizzato a Taormina e a Palermo dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia rientra tra le iniziative promosse e sostenute dall’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo e volte alla destagionalizzazione e alla valorizzazione delle eccellenze artistiche.

Un collage di film muti che ci riportano in un’atmosfera antica natalizia saranno i protagonisti di una Fantasia di Natale alla Casa del Cinema di Taormina il 27 dicembre e al Teatro Spasimo di Palermo il 29 dicembre. Le rêve de Noël (Il sogno di Natale), Francia, 1900, 4’13” di Georges Méliès è il primo film natalizio della storia del Cinema. Vigilia di Natale. La governante rimbocca le coperte ai bambini. Essi hanno sogni popolati da danzatori, angeli che infilano regali nei comignoli, campanari e campane, chiese e pranzi festivi. Il mattino di Natale i bambini si alzano e scoprono i propri regali. Georges Méliès compare nel ruolo di un mendicante.

The Night Before Christmas (La vigilia di Natale), USA, 1905, 9’18” di Edwin S. Porter ha come protagonista un Babbo Natale pieno di lavoro che prima di andare a consegnare i giocattoli, li deve finire e poi deve anche curarsi delle sue renne. In una grande famiglia, i bambini lo attendono con ansia: hanno appeso le calze ma la mamma li mette a letto. Irrequieti, non riescono a dormire e cominciano a prendersi a cuscinate. Intanto, Babbo Natale, finite tutte le sue mansioni casalinghe, prende il carico e parte per il suo viaggio. Uno dei primi esperimenti di animazione. Rozhdestvo obitateley lesa (Il Natale degli insetti), Russia 1913, 6’35” di Wladislaw Starewicz. Qui il Babbo Natale incontra gli animali di una meravigliosa foresta. The Little Match Seller (La piccola fiammiferaia), Regno Unito, 1902, 3’ di James Williamson. In assoluto la prima versione cinematografica della fiaba di Hans Christian Andersen e il primo cortometraggio basato su un’opera del celebre scrittore danese. Le Noël de Monsieur le Curé (Il Natale del signor curato), Francia 1906, 5’22” di Alice Guy Blaché, la storia di un povero curato che vuol comprare una statua di Gesù Bambino ma la famiglia povera non ha soldi da dargli e l’artista dell’atelier non gliene vende neppure uno piccolo…

Miracle de Noël (Miracolo di Natale), Francia, 1912, 12’ non si conosce di chi è la regia. Una donna povera con tre figlie non esita a dar da mangiare ad un vecchio barbuto alla ricerca di un tozzo di pane. A mezzanotte, andata alla messa di Natale, trova in terra un bambino e lo porta con sé a casa…

Tra fantasia e miracoli il Natale di questi film rari e unici musicati per l’occasione dal vivo dal Maestro Giovanni Renzo faranno rivivere la bellezza e l’emozione dei film muti in bianco e nero, permettendo alla nostra fantasia e immaginazione di sognare a occhi aperti. 

Racconti a Natale è un programma sostenuto dalla Regione Sicilia, dal Parco Archeologico Naxos-Taormina, dal Comune di Taormina, dagli Assessorati Regionali Turismo, Sport e Spettacolo, Beni Culturali, dall’Associazione Sensi Contemporanei, dalla Direzione Generale Cinema e dall’Agenzia per la Coesione Territoriale. 

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione