La Polizia sequestra alimenti in cattivo stato di conservazione

Gli agenti del distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona Pozzo di Gotto, hanno sequestrato diversi quintali di prodotti non idonei al consumo umano.
I poliziotti hanno rinvenuto gli alimenti a bordo di due mezzi, durante specifici servizi mirati al controllo di veicoli adibiti al trasporto di alimenti svolti in Barcellona P.G..
Grazie all’ausilio di personale veterinario dell’ASP di Messina, distretto di Barcellona P.G., è stato possibile appurare, in un mezzo di una società di distribuzione all’ingrosso, il cattivo stato di conservazione di formaggi di vario tipo destinati ad attività commerciali di distribuzione al dettaglio per il pubblico consumo. Gli alimenti trasportati viaggiavano ad una temperatura pari al doppio di quella prevista per la tipologia di prodotto.
Conducente e titolare della ditta sono stati denunciati per detenzione, ai fini dell’immissione in commercio, di alimenti pericolosi per la salute pubblica. Sequestrato inoltre il veicolo perché non in regola. Elevate sanzioni amministrative per oltre 5.000 euro.
Nell’altro mezzo è stata riscontrata la presenza di 17.000 chilogrammi di succo d’uva trasportato all’interno di 70 fusti. Dai controlli effettuati è emerso che molte delle etichette di origine del prodotto non risultavano corrispondenti al carico trasportato e non ne attestavano la provenienza, inoltre la data di scadenza era andata ben oltre il periodo previsto per l’utilizzo e la consumazione. Anche in questo caso gli alimenti, che dovevano viaggiare ad una temperatura controllata, erano riposti su un mezzo privo di tali requisiti.
Nei confronti della società sono state elevate sanzioni per un ammontare superiore a 1.500 euro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione