Incidente Cantieri Palumbo: La Flmu-CUB Messina, ‘Perché le telecamere erano fuori servizio?’

20 Febbraio 2020 Cronaca di Messina

In merito all’incidente accorso all’operaio rumeno ai cantieri “Palumbo”, alcuni giorni fa, e che attualmente versa in gravi condizioni, la Flmu CUB di Messina, ritiene precisare alcuni elementi utili all’opinione pubblica ancora non noti. 

 

L’incidente accaduto alle ore 04,00 del mattino che ha visto coinvolto un operaio rumeno di una ditta subappaltatrice, caduto dal portellone di una nave ferma nel bacino, per lavori, e che gli ha provocato, sfortunatamente, la paralisi di una parte del corpo, dormiva a bordo della suddetta nave, poiché, come capita spesso con ditte esterne che non hanno una sede in loco, gli operai sono costretti a rimanere all’interno del luogo di lavoro. 

 

L’elemento che ci lascia basiti e che vogliamo con la presente evidenziare è che la “Palumbo” essendo dotata di apparati di sorveglianza comprese diverse telecamere posizionate in zone ritenute strategiche, proprio quella presente nel luogo dell’incidente casualmente era fuori servizio. La zona è transennata per i rilievi del caso, e gli operatori dell’antinfortunistica stanno svolgendo controlli atti ad accertare il normale svolgimento dei lavori, nonché le attività di riparazione degli operai sia interni al cantiere sia delle società di appalto esterne. 

 

Da tali controlli saranno le risultanze a doverne chiarire le dinamiche del grave incidente accorso. 

 

La Flmu-CUB Messina è vicina all’operaio rumeno ancora ricoverato in reparto di rianimazione, preoccupata dalla “anomala circostanza avvenuta” CHIEDE con risolutezza  all’interno dei cantieri “Palumbo” un intervento adeguato per migliorare il sistema di  videocontrollo, così da prevenire non soltanto i beni ma soprattutto la salute dei prestatori d’opera, in base a  quanto previsto dal Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione