Tumulti in carcere, il messaggio dell’arcivescovo ai detenuti: «Siamo tutti sulla stessa barca, dentro o fuori dal carcere»

12 Marzo 2020 Cronaca di Messina

«Carissimi detenuti,  carissimi tutti che operate all’interno del carcere, in questo tempo caratterizzato dall’epidemia del Coronavirus, desidero esprimervi la mia particolare vicinanza». Inizia così il messaggio dell’arcivescovo Giovanni Accolla rivolto ai reclusi nelle case circondariali dopo i ultimi tumulti di questi giorni (che hanno coinvolto in maniera molto più lieve anche Messina).

«Siamo tutti sulla stessa barca, dentro o fuori dal carcere: cambia il luogo, ma siamo tutti toccati dallo smarrimento e dalle preoccupazioni. Tutti, però, siamo chiamati a fare la nostra parte con senso di responsabilità. Solo così possiamo vincere la crisi sanitaria in corso – scrive – Pertanto, vi esorto fraternamente ad agevolare il superamento della crisi in atto con la preghiera e la collaborazione. Le regole che stanno cambiando lo stile di vita ci invitano, dentro e fuori dal carcere, a prevenire danni maggiori. Sono regole di prevenzione per il bene di tutti: per voi, per i vostri familiari e per tutto il personale che lavora in mezzo a voi. Avete, senza alcun dubbio, un ruolo importantissimo nel cammino di prevenzione e di tutela. Le vostre celle possono essere cattedre dalle quali si insegnano percorsi di responsabilità civile, altari o chiese per la testimonianza della carità e la preghiera. Niente “guerre tra poveri”! Reclusi o agenti, medici o ammalati, sacerdoti o fedeli, impiegati o operai, nobili o poveri: tutti sulla stessa barca!», prosegue, citando poi un brano del Vangelo di San Matteo. 

«Gli apostoli sono smarriti, come noi, e invocano l’intervento di Gesù. Gesù interviene e la tempesta viene sedata. Insieme invochiamo con fede l’intervento di Gesù per sedare la tempesta del Coronavirus, affidiamoci a Lui e seguiamo quello che Lui ci insegna.  Desidero ringraziarvi per il paziente ascolto e la vostra fattiva collaborazione. Per intercessione della Madonna della Lettera, nostra Patrona, e dei nostri Santi protettori, con paterno affetto, invoco su tutti la Benedizione del Signore».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione