Coronavirus a Messina, De Luca: “Chiarito col prefetto, situazione delicata: state a casa”

13 Marzo 2020 Politica

“Non uscite da casa gli imprenditori e liberi professionisti chiudano le rispettive attività!“. Non intende mollare la presa il sindaco di Messina, Cateno De Luca, protagonista nelle scorse ore di un complesso tira e molla con e Viminale e Prefetto sull’ordinanza anti-Coronavirus.

 

Il sindaco ha avuto un confronto con il prefetto Librizzi, dichiara di aver chiarito gli aspetti controversi della ordinanza e dei decreti governativi e che c’è piena collaborazione con la prefettura. Ha concordato una serie di quesiti da sottoporre immediatamente al governo per cercare di evitare il più possibile la circolazione delle persone, vero e unico strumento di diffusione del contagio. De luca stasera farà il suo intervento dalla sede della protezione civile, in diretta anche su rtp.

Il Palazzo del Governo invierà la nota con cui De Luca ha giustificato la sua ordinanza parecchio restrittiva al ministero della Sanità e alla Presidenza del Consiglio. “Nel frattempo, però,- assicura De Luca- nessuno scontro istituzionale è in atto”. E stasera è prevista una rimodulazione dell’ordinanza che non confligga con il DPCM. “stiamo elaborando una serie di nuovi interventi che siano in linea con le disposizioni”.

“Stasera alle ore 19:00 in diretta sulla nostra pagina FB De Luca Sindaco di Messina comunicheremo le nostre decisioni in merito all’ordinanza sindacale che ha previsto il coprifuoco nella città di Messina”, dichiara infatti De Luca che chiosa polemicamente: “Non abbiamo tempo per rispondere agli sciacalli”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione