Coronavirus, 10 casi positivi nel Messinese: 5 ricoverati e 5 in isolamento

14 Marzo 2020 Cronaca di Messina

Sono 10, al momento, i casi accertati di positività al coronavirus nel Messinese, di cui 5 ricoverati e 5 in isolamento nel proprio domicilio. Nessuno si trova in terapia intensiva e le condizioni dei ricoverati sono stazionarie, con una “buona” eccezione.

Ecco il quadro dettagliato: 2 ricoverati si trovano al Policlinico, si tratta di un ex medico in pensione e della moglie; 1 ricoverata è al Papardo, una donna di 27 anni; 2, invece, sono i ricoverati al Cutroni Zodda di Barcellona Pozzo di Gotto.

Si tratta, nello specifico, del vigile del fuoco di Sant’Agata Militello, primo caso del messinese, che al controllo di ieri è però risultato negativo e quindi domani ci si augura possa essere dichiarato guarito (il protocollo prevede una seconda verifica a 48 ore dalla prima); e di un autotrasportatore dell’hinterland milazzese, tornato giovedì sera dalla Lombardia e ricoverato dopo aver accusato sintomi febbrili, ma senza aver avuto contatti con nessuno.

I casi di isolamento nella propria abitazione sono tutti collocati a Messina, ad eccezione della moglie del vigile del fuoco, in quarantena nella propria casa di Sant’Agata. Attualmente sono tre le strutture sanitarie accreditate dalla Regione per l’esecuzione autonoma dei tamponi: il Papardo, il Cutroni Zodda ed il Policlinico.

In questi ultimi due ospedali sono state create strutture dedicate esclusivamente ai casi di coronavirus, i cosiddetti “Covid-19 Hospital” (al Policlinico l’intero padiglione H). In provincia, il presidio ospedaliero di Milazzo “sostituisce” quello di Barcellona per gli altri casi ordinari.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione