Coronavirus: “Piacere, sono Dumbo”, la lodevole iniziativa dell’azienda agricola Villarè a favore dei più piccoli

19 Marzo 2020 Senza categoria

Se i bimbi non possono più venire alla Fattoria delle Carezze sarà la Fattoria delle Carezze (carezze al momento soltanto virtuali) ad andare dai bimbi. Anche l’azienda agricola Villarè di Messina in prima linea per combattere la noia, per far divertire e per continuare nella sua mission educativa in un momento così difficile della storia del Pianeta. Ed è proprio partendo dall’amore per la terra che è stata sviluppata l’iniziativa “Piacere, sono Dumbo”, dal nome di uno degli ultimi arrivati nella fattoria peloritana. Ogni settimana, in diretta attraverso il profilo Fb dell’azienda, l’imprenditrice Marzia Villari e l’etologo Luigi Vadalà presentano gli ospiti di Villarè ai piccoli amici costretti a casa in seguito al decreto legge per contrastare il Covid19. 

Giunta al terzo appuntamento (il primo con le caprette, il seguente con gli asinelli e l’ultimo con gallo e galline) la nuova avventura ha già riscosso un grande successo: i bambini si sono appassionati, stanno imparando a conoscere i vari animali, le loro abitudini, come si nutrono, come vengono accuditi, quali sono i loro versi, come vengono impiegati, imparano a riconoscerli e a chiamarli con i nomi delle favole Disney che sono stati loro assegnati. Entusiasti i genitori, alcuni dei quali già conoscevano e apprezzavano le attività della Fattoria delle Carezze. In un momento così drammatico Villarè ha scelto di provare a riempire dei vuoti, anche didattici, e di stare accanto a tutti i bambini regalandogli svago, allegria e anche qualche piccolo insegnamento… che davvero non basta mai. 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione