Coronavirus, bonus da 600 euro anche ai professionisti non in regola con la contribuzione

1 Aprile 2020 Cronaca di Messina

L’indennità di 600 euro per lavoratori autonomi e professionisti iscritti agli enti di previdenza privati danneggiati dal covid-19 non sarà riservata solo a chi è in regola con la contribuzione. Il decreto collegato all’art. 44 del DPCM del 17 marzo 2020 inizialmente prevedeva, infatti, che l’indennità potesse essere corrisposta solo a condizione che il soggetto richiedente avesse adempiuto agli obblighi contributivi previsti per l’anno 2019, mentre, dopo le sollecitazioni del mondo professionale, nel decreto pubblicato questa mattina sulla Gazzetta Ufficiale la previsione è stata cassata dai ministeri alle Politiche Sociali e alle Finanze. «Le istanze degli ordini professionali, compreso l’Ordine degli architetti di Messina – commenta il presidente Pino Falzea – sono state accolte al Governo che ha eliminato dal decreto un’ingiustizia segnalata a gran voce anche dagli architetti messinesi che avevano prontamente scritto ai ministri Nunzia Catalfo e Roberto Gualtieri. Possiamo ritenerci soddisfatti – prosegue Falzea – perché il Governo ha così rimediato a un’assurda disparità di trattamento tra lavoratori. Terremo comunque alta l’attenzione – conclude il presidente degli architetti di Messina – per evitare che i nostri iscritti siano più penalizzati di altri in un momento delicatissimo per tutte le professioni e, soprattutto, attendiamo che la dotazione finanziaria prevista (complessivamente 300 milioni di euro) venga aumentata per consentire a tutti, non solo ai più rapidi a presentare istanza, di ricevere l’indennità».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione