Coronavirus, da lunedì regime di convivenza per gli operatori

2 Aprile 2020 Cronaca di Messina

Emergenza Covid, la Casa di ospitalità "Collereale" che accoglie 170 anziani, uno dei Centri dove la tutela degli ospiti è ancora più stringente in questo periodo, cambia regime: da lunedì 6 aprile passerà al regime di convivenza: gli operatori rimarranno in servizio per turni di 10 giorni consecutivi. La prima squadra, entro domenica, verrà sottoposta al tampone. Ovviamente entreranno in servizio solo quanti risulteranno negativi.

“Una decisione inevitabile che meditavamo da tempo – afferma il direttore generale della struttura Giuseppe Turrisi – ma che da lunedì diventerà realtà. Non possiamo rischiare di fare la fine della casa di riposo “Come d’incanto”, sarebbe un devastante effetto domino”. In realtà l’Ipab di via Catania dallo scorso 23 febbraio ha messo in atto misure restrittive che col passare del tempo sono diventate sempre più rigide: prima il registro dei visitatori con la misura della temperatura a tutti gli ingressi, dal 2 marzo visite ridotte al minimo, dal 10 marzo visite e ricoveri sospesi e smart working per i servizi amministrativi. Quindi la decisione definitiva: il regime di convivenza. “Dopo avere sentito la direzione sanitaria – prosegue Turrisi – ho contattato il nostro servizio Risorse Umane che ha approntato la turnistica. Dopo l’approvazione delle Organizzazioni sindacali, abbiamo avviato un sondaggio su base volontaria dei dipendenti e la risposta è stata soddisfacente, anche se non sono mancate le eccezioni in negativo. Gli operatori in regime di convivenza, che saranno 45 per turni di 10 giorni, troveranno posto nell’ala di via Sardegna e altri direttamente nei reparti in cui operano".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione