Coronavirus, report controlli Pasqua e Pasquetta a Messina. Sindaco De Luca: “Bravi i messinesi, sono rimasti a casa

13 Aprile 2020 Politica

Nei giorni di Pasqua e di Pasquetta si è svolta un’intensa attività di controllo del territorio coordinata dalla Questura di Messina, con la partecipazione di tutte le Forze dell’Ordine e della Polizia Municipale. Nella domenica di Pasqua le Forze dell’Ordine hanno assicurato con numerosi posti di blocco negli incroci e negli snodi principali del territorio comunale, un controllo capillare delle autovetture e delle persone che circolavano. La Polizia Municipale, impegnata con oltre 30 pattuglie nel doppio turno 7,00/13,00 e 13,00/20,00 ha eseguito oltre 150 controlli sulle autocertificazioni, verificando la regolarità di ogni dichiarazione. Nel giorno di Pasquetta, oltre ai controlli con oltre 30 pattuglie sul doppio turno, si sono aggiunti i controlli con i droni che nella mattinata si sono levati in volo uno sulla zona nord a Torre Faro e dintorni, ed uno nella zona sud a Santa Margherita e zone circostanti.

“I Messinesi hanno rispettato il patto con il Sindaco e sono rimasti a casa: bravi. I controlli aerei hanno confermato quello che già appariva chiaro sulla strada: i messinesi sono rimasti a casa e hanno compreso, con grande senso di responsabilità, che il miglior modo di trascorrere la Pasquetta era restare in casa. E così è stato. Le riprese aeree hanno confermato che non ci sono state uscite né corsette o jogging nel vastissimo territorio comunale che è stato controllato per l’intera mattinata. Non sono mancati gli attacchi strumentali di coloro che hanno diffuso immagini di tavolate allestite nei terrazzi condominiali, accusando queste persone di avere fatto assembramenti. Abbiamo verificato anche queste segnalazioni e vi posso dire che trattandosi di terrazze condominiali, quelli che si sono riuniti erano proprio i condomini che hanno occupato ognuno la parte di terrazza di loro spettanza. Sono favorevolmente colpito dalla risposta che i messinesi hanno dato all’Italia intera in questi due giorni di festività. Mentre in molte altre città abbiamo visto le immagini di cittadini intenti a passeggiare per strada, a riunirsi sulla spiaggia e festeggiare sul terrazzo, i messinesi, pur non rinunciando al rito conviviale del pranzo di pasquetta, hanno osservato con senso di responsabilità le norme sul distanziamento sociale e hanno saputo trarre da questa situazione il senso della speranza e del coraggio, per andare avanti tutti insieme”. Così parlò Cateno De Luca.

“Il senso di responsabilità dei messinesi – precisa il Primo cittadino – è testimoniato dagli esiti dell’attività di controllo svolta oggi dalla Polizia Municipale. Non è un caso, infatti, che di oltre 150 controlli eseguiti sulle autocertificazioni delle vetture e dei mezzi in transito, siano state elevate meno di dieci sanzioni. Ciò significa che si è spostato solo chi ne aveva veramente motivo e bisogno. Mi spiace poi dovere prendere atto che qualcuno, mosso da un errato senso dell’umorismo e della provocazione, oggi si è messo nei guai da solo. Mi riferisco al post di due fratelli che hanno pubblicato una serie di foto sotto le cascate di San Filippo Superiore con allegate frasi provocatorie con le quali comunicavano di avere infranto la quarantena e di avere trascorso la Pasquetta fuori in compagnia di amici. Ho chiesto alla PG di approfondire la questione ed immediatamente sono stati rintracciati gli autori di questo post, i quali in verità si trovavano a casa insieme alla madre, assicurandoci di non essersi mossi di casa e che le foto si riferivano ad una gita svolta l’anno prima”.

“Desidero infine ringraziare il Questore per avere coordinato l’attività delle Forze dell’Ordine che oggi erano presenti con almeno 300 unità tra Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale, Polizia Metropolitana e Polizia Municipale. Desidero ringraziare inoltre la Questura per la collaborazione e l’assistenza fornita durante il volo dei droni, assicurando un costante coordinamento con la centrale operativa della Polizia di Stato che ha reso possibile il volo degli aeromobili a controllo remoto in assoluta sicurezza”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione