Impianto di videosorveglianza vietato a casa, denunciato un messinese

18 Aprile 2020 Cronaca di Messina

Era sottoposto a sorveglianza speciale ma aveva installato un sistema di telecamere per osservare la propria abitazione. Scoperto avrebbe dovuto rimuovere l'impianto ma ha ignorato il provvedimento: per lui è scattata la denuncia e il sequestro dell'impianto.

Lo scorso febbraio, nell'ambito del controllo straordinario del territorio “Quartieri Sicuri”, i poliziotti delle Volanti, del Commissariato Messina Sud, della Squadra Amministrativa, della Divisione Anticrimine, del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, avevano effettuato controlli a tappeto per scoraggiare e reprimere le più svariate tipologie di reato.

Nella circostanza, particolare attenzione era stata prestata alla zona sud della città. Numerosi i soggetti identificati, diverse le perquisizioni effettuate e controllate le persone sottoposte ad obblighi di legge.

Era emerso, in particolare, che un soggetto sottoposto a sorveglianza speciale, aveva installato, lungo il perimetro della propria abitazione, un sofisticato sistema di videosorveglianza. Telecamere a infrarossi, ad alta definizione e un sistema attivo h 24 con possibilità di controllo da remoto e da qualsiasi apparecchio dotato di connessione internet, era pertanto in grado di controllare, in qualsiasi momento del giorno e della notte, l’ingresso principale della casa nonché tutte le altre vie di accesso.

Ne era scaturito il provvedimento con il quale il Questore di Messina, Vito Calvino, su proposta della Divisione Anticrimine e del Commissariato Messina Sud della Questura, vietava la detenzione dell'impianto e ordinava la rimozione dello stesso entro e non oltre sette giorni dalla data di notifica.

Ordine disatteso dall’uomo, la cui abitazione è stata nuovamente sottoposta a controllo ieri dai poliziotti del Commissariato Sezionale Messina Sud, con la consequenziale denuncia per inosservanza del provvedimento del Questore nonché per la violazione delle prescrizioni inerenti il regime di sorveglianza speciale. L’impianto è stato sottoposto a sequestro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione