Covid. L’Unione inquilini sanifica l’ex scuola Catarratti: “Comune assente”

19 Aprile 2020 Cronaca di Messina

Dopo un’intollerabile assenza istituzionale e dopo continui solleciti l’Unione Inquilini ha sanificato l’ ex scuola Catarratti attraverso una ditta specializzata.

Il 20 marzo i rappresentanti delle scuole Catarratti, Foscolo e Donato hanno richiesto telefonicamente all’assessore Minutoli di attivare le operazioni di sanificazione per le suddette strutture. Il 6 aprile l’Unione Inquilini per sollecitare l’intervento ha inviato una Pec indirizzata al Sindaco e agli Assessori Minutoli e Calafiore non ottenendo alcuna risposta in merito. Questi interventi sono per ovvie ragioni urgenti, necessari e obbligatori in questa pandemia per salvaguardare la salute di decine di famiglie che vivono in alloggi non idonei e con grandi spazi comune da condividere. Anche il consigliere Alessandro Russo dopo tre pec di sollecito indirizzate al Prefetto, al Sindaco e all’Assessore Musolino e dopo vari messaggi telefonici non ha ricevuto alcun riscontro. “La tutela della salute pubblica – scrive l’Unione Inquilini – deve essere garantita dagli enti preposti secondo le proprie competenze e prerogative istituzionali. In questo caso il Sindaco, nella qualità di massima autorità sanitaria e da cui ci si aspetta giustappunto azioni precise di tutela igienico-sanitarie e ambientale, lo abbiamo visto impegnato, concentrato sulle infinite dirette fb, sulle smaccate apparizioni televisive, sui droni e sulla distribuzione, quasi surreale, di uova di Pasqua – con immancabili foto di rito – proprio in quei luoghi in cui l’ente ha irresponsabilmente latitato. Come Unione Inquilini abbiamo sentito quindi la necessità di attivarci subito in prima persona. Spinti dal bisogno concreto reclamato da decine di famiglie, da una solidarietà di classe, sostenuti dal prezioso contributo della Fiom Cgil Messina e della Rete 34+ e sostituendoci nostro malgrado all’ente comunale abbiamo proceduto alla sanificazione delle scuole in questione, partendo ieri da quella di Catarratti”

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione