Una milazzese al vertice di Enav: chi è Francesca Isgrò

22 Aprile 2020 Cronaca di Messina

Sarà la siciliana Francesca Isgrò, 46 anni, la nuova presidente dell’Enav. Lo annuncia il giornale online www.amnotizie.it ricordando che la Isgrò è nata a Milazzo nel 1974 e vissuta a Patti, si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Messina ed è avvocato dal 2003, specializzata in diritto amministrativo e contrattualistica pubblica, e membro della Società Italiana degli Avvocati Amministrativisti. Consulente di molte aziende e amministrazioni pubbliche per operazioni di project financing e appalti, è stata consigliere di amministrazione del Poligrafico dello Stato dal 2016 al 2017, anno in cui è entrata nel consiglio di amministrazione di Poste Italiane.

E’ partner dello studio legale Orrick, che nel 2016 si è aggiudicato la gara del Ministero per lo Sviluppo Economico per la progettazione, costruzione e gestione delle reti a banda ultra larga nelle zone bianche (importo 4 miliardi di euro).

Adesso Francesca Isgrò prenderà il posto dell’avvocato Nicola Maione. Ad affiancarla, nel ruolo di amministratore delegato sarà Paolo Simioni, che lascia l’azienda del trasporto pubblico di Roma, di cui era stato ad dal luglio 2017.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione