“IL 25 APRILE? UNA PAGLIACCIATA!”. IL GRUPPO CONSILIARE DEL PD INSORGE CONTRO IL CONSIGLIERE COMUNALE SORBELLO

23 Aprile 2020 Politica

"Abbiamo altri problemi che pensare alla festa degli invasori e pagliacciate simili! Cantatevi bella ciao nelle vostre case, possibilmente, con un volume audio tollerabile se esiste. Abbiate rispetto per i cittadini, che non semu nta l'Unione Sovietica...". E' questo il post dedicato al 25 aprile, e scritto qualche ora fa sulla propria pagina di Facebook dal consigliere comunale Salvatore Sorbello, del gruppo consiliare 'Messinaora', che ha scatenato le reazioni di tantissime persone che hanno ritenuto gravi e offensive le parole scritte dal capogruppo di centrodestra. A insorgere con un documento ufficiale sono stati anche alcuni suoi colleghi. Il Gruppo consiliare del PD, in un comunicato, esprime infatti "netta distanza dalle parole ingiuriose e offensive" espresse oggi dal collega Salvatore Sorbello su Facebook sulla Festa della Liberazione e sul suo significato. "Il 25 Aprile è la festa di tutti gli italiani che ricordano come la libertà e la democrazia siano valori insostituibili e non sindacabili, neppure nelle forme ironiche o banalizzanti dei social network. Il comportamento tenuto dal consigliere Sorbello è da stigmatizzare in quanto irrispettoso nei confronti delle centinaia di migliaia di concittadini morti per liberare il nostro Paese dal Nazifascismo, grazie ai quali oggi a qualche voce senza senno può persino consentirsi di scriverne in maniera offensiva. Chiediamo al Presidente del Consiglio comunale - concludono - di ammonire pubblicamente il consigliere Sorbello affinché in futuro nessun componente del civico Consesso pensi di esprimere opinioni lesive dei valori democratici sui quali si effettua il giuramento di insediamento. Nel ricordare a tutti l'importanza e la non sindacabilità dell'antinazismo e dell'antifascismo nella nostra Repubblica, invitiamo tutti a celebrare il 25 Aprile, restando a casa, con sentimenti di amore per la libertà e la democrazia".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione