Celebrato in una Piazza Unione Europea deserta il 75° anniversario della Liberazione

25 Aprile 2020 Cronaca di Messina

Oggi, sabato 25, a piazza Unione Europea, il vicesindaco Salvatore Mondello e il Prefetto Maria Carmela Librizzi hanno presenziato alla tradizionale cerimonia di celebrazione per il 75° anniversario della Liberazione, cui ha preso parte il prof. Federico Martino in rappresentanza dell’ANPI.

“E’ stato come sempre un momento istituzionale dall’alto significato, ma una cerimonia sobria e semplice – ha detto il Vicesindaco Salvatore Mondello – in quanto quest’anno è ricorso durante l’emergenza Coronavirus. Pertanto è stata deposta, come da tradizione, la corona d’alloro davanti al Monumento dei caduti in guerra, senza la partecipazione di autorità civili, religiose e militari nonché dei vari rappresentanti dell’Associazione nazionale partigiani e di cittadini, in quanto lo svolgimento dell’evento è stato legato al rispetto delle modalità di distanziamento interpersonale al fine di evitare qualsiasi forma di assembramento compatibile con la particolare situazione che stiamo vivendo.

In questo delicato momento per l’intera collettività auspico – ha concluso il Vicesindaco – che questa ricorrenza celebri anche la nostra libertà per tornare a guardare al futuro con speranza e coraggio”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione