Il video – Sebastiano Ardita: dov’è finita la sensibilità civile e quella istituzionale sul fenomeno mafioso?

25 Aprile 2020 Inchieste/Giudiziaria

È crollata la sensibilità civile e quella istituzionale sul fenomeno mafioso: solo così può spiegarsi quello che sta accadendo in questi giorni.

Posted by Catania bene" di Sebastiano Ardita on Saturday, April 25, 2020

“Mai come in questo momento il movimento culturale che fonda la sua essenza sul rispetto della legalità, delle regole e dunque del contrasto alla mafia, che questi valori mette in discussione, deve trovare una sua coesione”.
E’ un appello all’unità e alla visione comune, quello rivolto all’intero mondo antimafia dal consigliere togato Sebastiano Ardita. Secondo il presidente della prima commissione del Csm ora più che mai bisogna unire le forze per affrontare al meglio quella che descrive come “la più grande dismissione di detenuti mafiosi dalle carceri italiane della storia della Repubblica”. E ciò è accaduto, sostiene il magistrato, a causa del “crollo della sensibilità della società civile e quella istituzionale sul fenomeno mafioso”. Questo perché, specialmente negli ultimi tempi, spiega Ardita in un video pubblicato sul suo profilo Facebook, sarebbero venute meno, “le responsabilità più estese fra governi nonché quelle più radicate nella società e nella coscienza civile del nostro Paese”. Pertanto è giunta l’ora che l’antimafia, “in questo momento storico in cui Cosa Nostra sta incredibilmente riprendendo i suoi capi, diventi un movimento che sappia essere unito per dedicarsi a quello che è oggi il principale obiettivo”. Ovvero, conclude Ardita, “impedire che Cosa Nostra si riprenda parte di territorio e che torni a comandare silente, magari con qualche pezzo di istituzioni”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione