Messina, dati drammatici da Camera commercio: in tre mesi “morte” 833 imprese

27 Aprile 2020 Cronaca di Messina

I dati relativi al I trimestre 2020 sull’andamento economico provinciale già rilevano gli effetti sulle restrizioni seguite in seguito all’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da Coronavirus. Dall’elaborazione dei dati relativi alle iscrizioni, cessazioni e variazioni di imprese intervenute tra i mesi di gennaio e marzo del 2020, effettuata dall’ufficio Statistica della Camera di commercio, si evince, infatti, che, nel primo trimestre di quest’anno, la consistenza dell’imprenditoria messinese tra aperture e chiusure di imprese fa registrare un saldo negativo di 92 unità. 

«Il dato è drammaticamente destinato a crescere – afferma il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina – perché le misure introdotte per il contenimento degli effetti della crisi sulla nostra economia sono, evidentemente, insufficienti e tardive. Se non verranno introdotte misure immediate ed efficaci, una vera e propria terapia d’urto, il tracollo delle imprese di alcuni settori, primo fra tutti il turismo, trascinerà anche gli altri comparti in una prospettiva di recessione e desertificazione gravissima, con conseguenze pesantissime sui livelli occupazionali e sui consumi e con preoccupanti riflessi sugli indici di povertà e di disagio sociale. Il continuo monitoraggio dei dati verrà da noi condiviso con tutti gli attori istituzionali per gli indispensabili rimedi correttivi sulla finanza regionale e nazionale, a sostegno del nostro tessuto produttivo».

Da gennaio a marzo 2020, a fronte di 741 nuove iscrizioni, sono state denunciate ben 833 cessazioni (dato al netto delle cancellazioni d’ufficio), che hanno portato lo stock complessivo di imprese a 62.096, di cui attive 45.845. 

«Il numero di iscrizioni nel primo trimestre di quest’anno è pari a 741 – precisa la segretaria generale, Paola Sabella - ed è, in valore assoluto, il più basso degli ultimi 6 anni. Quanto è stato posto in essere per contenere la diffusione del Coronavirus non potrà che aggravare la già delicata situazione. Pur se gli effetti ancora non emergono pienamente da questa prima fotografia sull’economia messinese, certamente saranno molto più visibili già dal prossimo trimestre. Un’emergenza economica a cui dobbiamo far fronte immediatamente e che dobbiamo assolutamente circoscrivere per evitare il collasso economico della nostra imprenditoria».

Nei giorni scorsi, Unioncamere, in collaborazione con InfoCamere, ha realizzato una piattaforma online per aiutare gli imprenditori a districarsi nella marea di provvedimenti, nazionali e regionali, diretti al contenimento della diffusione del virus, raggiungibile all’indirizzo https://ripartireimpresa.unioncamere.it

 

Nati-mortalità delle imprese per forme giuridiche I trimestre 2020 - Provincia di Messina

ti-mortalità delle imprese I trimestre 2020 – Provincia di Messina

Iscrizioni. Cessazioni* Saldo Stock al 31 marzo 2020 Tasso di crescita
I trim. 2020
Tasso di crescita
I trim. 2019
MESSINA 741 828 -87 62096 1,00% 0,00%

*Al netto delle cancellazioni di ufficio

 

Tassi di iscrizione, cessazione e crescita primo trimestre 2020 – Provincia di Messina

 

e 2020 – Provincia di Messina

Tasso di iscrizione Tasso di Cessazione* Tasso di crescita Stock al 31 marzo 2020
MESSINA 1,20% 1,30% 1,00% 62096

*Al netto delle cancellazioni di ufficio

 

Nati – mortalità delle imprese per forme giuridiche primo trimestre 2020 – Provincia di Messina 

 

Forma giuridica Stock

I trimestre 2020

Saldo Tasso di sviluppo
SOCIETA' DI CAPITALE 15728 114 4,00%
SOCIETA' DI PERSONE 6651 -33 -1,00%
DITTE INDIVIDUALI 34713 -160 1,00%
ALTRE FORME 5004 -13 -1,00%
Totale 62096 -92 1,00%

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione