Mafia: D’Uva, da Bonafede impegno contro scarcerazioni boss

28 Aprile 2020 Cronaca di Messina

"Sul tema delle scarcerazioni non può assolutamente passare il messaggio che il Governo faccia uscire i boss dalle carceri sulla base dei suoi decreti. Ribadisco che non c'e' assolutamente alcuna norma varata dal Governo che impone ai giudici di scarcerare i mafiosi. Apprezzo l'impegno del ministro Bonafede nell'affrontare la questione sia in Consiglio dei Ministri che interloquendo con il presidente della Commissione parlamentare Antimafia Nicola Morra".

Lo ha detto il deputato questore del MoVimento 5 Stelle Francesco D'Uva nel corso di una diretta Facebook con la giornalista Alessandra Angelucci.

"Dobbiamo cercare - aggiunge D'Uva - di rafforzare ancora di più le misure antiriciclaggio. L'obiettivo e' fare in modo che ci sia sempre meno spazio per la criminalità organizzata nell'economia legale. Sugli strumenti di prevenzione l'Italia ha un know-how invidiabile, che viene utilizzato in maniera sempre efficiente dagli inquirenti e che la politica deve imparare a sfruttare di più".

“Domani si riunirà la commissione antimafia con all’ordine anche la discussione sui profili di contrasto alla criminalità organizzata nel corso dell'emergenza sanitaria, con particolare riferimento alla questione dell'esecuzione penale.
Inoltre si prevede un intervento normativo nel prossimo decreto del Governo”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione