Fase 2 a Messina, Bisignano: “Allentare il lockdown adesso è da irresponsabili”

29 Aprile 2020 Politica

Riceviamo e pubblichiamo un intervento dell’ex assessore provinciale Michele Bisignano sulla discussa Fase 2.

“Ritengo sia necessario ritornare sui dati riguardanti la diffusione del contagio del covid19, perché credo che a livello locale non si abbia contezza della loro effettiva gravità. Facendo un raffronto fra numeri di persone risultate positive al contagio dall’inizio della epidemia ad oggi, e persone decedute, a livello nazionale si riscontra una percentuale di letalita’ del 13,5%., che chiaramente non è poco come vogliono far credere i fautori della fine immediata del lockdown. In Sicilia, pur non avendo avuto le zone rosse ad alta concentrazione abitativa delle regioni del nord-Italia, la percentuale si mantiene al 7,4 %circa. Ma se analizziamo i dati delle tre citta metropolitane abbiamo una differenza di non poco conto fra Palermo con il 6%circa di letalita’, Catania con l’8,4 e Messina con il 9% di letalita’ con qualcosa in piu per Messina Citta. Ma questi dati, che non sono certo esaltanti, si riferiscono a contesti in cui sono state adottate misure di contenimento con l’invito o “l’ordine”, a secondo delle varie realtà, a restare consegnati in casa ed a rispettare le indicazioni per il distanziamento sociale, e tutte le altre misure restrittive e limitative poste in essere. Con questi dati che riguardano la nostra realtà urbana è mai pensabile dichiarare che non verra rispettato il nuovo DPCM sia per le modalita, che per le date scadenzate previste per la cosidetta fase 2, ed annunciare l’allentamento delle misure adottate fino ad ora. Ed ancora, è un atteggiamento responsabile annunciare la riapertura anticipata di attivita’ che per loro natura sono destinate a determinare possibili assembramenti e vicinanza promiscua, senza che vengano prima posti in essere tutti quei meccanismi di sicurezza, che possano evitare la diffusione del contagio? Perche, il virus non è nell’aria come veniva gridato impropriamente tutte le sere da un altoparlante gracchiante, ma viene portato e diffuso, purtroppo, dall’essere umano. E chi ha responsabilita istituzionali ai vari livelli, ha il preciso “dovere” di impedire, per quanto possibile che ciò possa avvenire”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione