Messina. Presentazione progetto “Messina che InCanto Virtual Choir”

29 Aprile 2020 Culture

Tante voci, distanti ma unite in un solo canto per la città di Messina: è questo il cuore del progetto “Messina che InCanto Virtual Choir”, ideato dall’associazione culturale “Note Colorate”, sposato dal Comune di Messina con gli Assessori alla Pubblica Istruzione Vincenzo Trimarchi, agli Eventi Musicali, Ludico Ricreativi e ai Rapporti con gli Enti Teatrali e Associazioni Musicali Giuseppe Scattareggia e alle Politiche Giovanili Enzo Caruso, insieme all’Ente Teatro “Vittorio Emanuele”, la Banda della Brigata Meccanizzata Aosta e la sezione provinciale dell’Ente Nazionale Sordi. La finalità è quella di formare un coro virtuale composto dagli studenti delle scuole messinesi di ogni ordine e grado che, accompagnati dalle note della Banda della Brigata Aosta diretta dal M. Fedele De Caro, ed insieme ai ragazzi del coro giovanile “Note Colorate” diretto dal maestro Giovanni Mundo, realizzeranno un brano musicale. Il progetto, che sarà lanciato nei prossimi giorni, è stato discusso oggi in un tavolo tecnico in modalità telematica al quale hanno preso parte gli Assessori Caruso, Trimarchi e Scattareggia, il Presidente e il Sovrintendente dell’Ente Teatro “Vittorio Emanuele” Orazio Miloro e Gianfranco Scoglio, assieme ai direttori artistici delle stagioni di Musica e Prosa Matteo Pappalardo e Simona Celi, il direttore della Banda della Brigata Meccanizzata Aosta Fedele De Caro, il presidente dell’Ens sezione di Messina Giuseppe Previti con l’interprete Lis Francesca Villari, il presidente e il direttore artistico dell’associazione culturale “Note Colorate” Francesco Falcone e Giovanni Mundo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione