Coronavirus, al Papardo di Messina la nuova barella di bio contenimento

30 Aprile 2020 Cronaca di Messina

I pazienti affetti da coronavirus potranno da ora in poi essere trasferiti in sicurezza grazie alla barella di bio contenimento arrivata in questi giorni nel reparto di Malattie Infettive dell’azienda ospedaliera Papardo di Messina.

Lo stesso reparto è stato spostato nel complesso conosciuto con il nome di Papardino, creando percorsi ad hoc che garantiscano la corretta continuità dei normali protocolli sanitari in tutta sicurezza. La barella di bio contenimeto è uno strumento pensato per i pazienti con infezione, completamente isolato e dotato di un sistema a pressione negativa. Il sistema di filtri garantisce che il paziente possa essere trasportato in sicurezza senza pericoli nei possibili trasferimenti interni per esecuzione di eventuali esami strumentali.

La barella può essere utilizzata anche insieme a strumenti di rilevazione dei parametri vitali in modo che il paziente non trascorra neanche una fase del trasferimento senza essere monitorato. “Siamo in prima linea per combattere il covid – spiega il direttore generale del Papardo, Mario Paino – e in questa emergenza è bene non abbassare la guardia anche se i dati ci fanno ben sperare. Il nostro ospedale, durante la quarantena, si è dotato dei migliori ausili tecnologici, non da ultimo questa speciale barella per la sicurezza dei contagiati, del personale sanitario e di tutti gli altri pazienti ricoverati.”

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione