LA RIFLESSIONE: Inadeguato e fuori misura l’intervento della Cei. Perché quella nota?

30 Aprile 2020 Culture
Riceviamo e pubblichiamo una riflessione della Piccola Comunità Nuovi Orizzonti. 
Siamo un gruppo di cittadini italiani cristiani, che professano la loro fede nella Chiesa Cattolica.
Da cittadini e da cristiani cattolici ci sentiamo impegnati nella vita civile e riteniamo che i valori della solidarietà e della responsabilità sociale siano doveri imprescindibili per la salvaguardia della vita civile e per l’armonico e corretto sviluppo della convivenza sociale nel Paese. Abbiamo pertanto osservato con scrupolo, attenzione ed esercizio della capacità critica nella loro valutazione le disposizioni provenienti dalle autorità statali nelle misure di contrasto alla corrente epidemia e abbiamo letto con stupore l’intervento della CEI rispetto alle prospettive di progressiva riapertura delle attività economiche e sociali programmate dal Governo.
Da cittadini siamo stupiti per l’utilizzo di un linguaggio che riteniamo inadeguato, fuori misura e completamente al di fuori dal contesto effettivo della vita civile e sociale del nostro Paese. È assolutamente improprio anche accennare all’ipotesi che in Italia vi sia il rischio (o, peggio ancora, sia in corso) una negazione del diritto alla libertà di culto. È abnorme e, ci sia consentito, irresponsabile agitare figure di inesistenti tentativi repressivi che, particolarmente nei confronti della confessione cattolica, non trovano spazio nel contesto di realtà che viviamo.
Da cristiani siamo stupiti perché abbiamo ricevuto dal Santo Padre il conforto della testimonianza che la vita sacramentale è anzitutto interiore e che la dimensione della partecipazione spirituale e del desiderio profondo ne sono ambiente di concretizzazione e di comunione piena, reale e concreta. Tutta la presente stagione di restrizione ai movimenti, che ha accompagnato la Quaresima e che ha fatto da scenario ai riti della Settimana Santa e alla celebrazione della Pasqua, ci ha donato l’esperienza di una comunione profonda e universale coi cattolici e coi cristiani di tutto il mondo.​ Da cattolici siamo stupiti perché la Conferenza Episcopale ha assunto una posizione che, stanti le chiarificazioni ragionevoli di molti Vescovi italiani che vi hanno fatto seguito (e che pienamente condividiamo) appare assunta senza condivisione con l’assise che dovrebbe rappresentare e con un linguaggio (come già accennato) che, oltre a non rappresentare l’universalità (e neanche la maggioranza) del sentimento dei cattolici italiani, appare parziale e orientato all’attivazione di tensioni inutili, dannose e immotivate con le autorità civili nazionali.
Non comprendiamo dunque da quale processo di valutazione sia emersa questa posizione che, se legittima quando espressa da chiunque (anche pastore della Chiesa Cattolica) sotto il profilo personale, non può, senza una previa condivisione, essere espressa nel nome generale dell’Episcopato e della cattolicità italiani. C’è il rischio che posizioni di questo tenore vengano in realtà utilizzate al di fuori della Chiesa come strumento di propaganda politica di parte, ed è un rischio che, da cittadini, cristiani e cattolici riteniamo doveroso denunciare alla Conferenza Episcopale perché ci si astenga da ogni possibile strumentalizzazione. Ci riconosciamo pienamente nella posizione equilibrata e pacata espressa dal nostro Arcivescovo e aderiamo serenamente, da cittadini cristiani e cattolici, all’invito rivoltoci dal Papa ad attenerci con prudenza e obbedienza a disposizioni che non intaccano minimamente né la nostra fede né la libertà di professarla, nella consapevolezza ricevuta da Gesù che non un luogo fisico, ma “spirito e verità” sono le vere dimensioni dell’adorazione di Dio.​ Piccola Comunità Nuovi Orizzonti di Messina 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione