ATM: IL COMUNICATO DI MESSINACCOMUNA TRADOTTO IN DIFFIDA DAI CONSIGLIERI DEL M5S

17 Maggio 2020 Politica

Qualche giorno fa messinAccomuna aveva chiarito che gli atti e i comportamenti dei commissari di ATM (licenziamento dei lavoratori, vendita dei mezzi) avvenivano contro le previsioni di legge perché, essendo stato bocciato il piano di liquidazione, i Commissari sono obbligati a gestire solo la conservazione dell’azienda con atti di ordinaria amministrazione.

“Oggi apprendiamo che quattro Consiglieri Comunali del Movimento 5 Stelle hanno presentato formale diffida all’ATM per bloccare immediatamente le procedure (anche a tutela dei lavoratori, visto che un’eventuale ripetersi in autunno delle misure di lock-down potrebbe creare problemi di accesso alla Cassa Integrazione Guadagni). Nell’atto vengono anche invitati l’amministrazione comunale a porre in essere ogni necessario atto di controllo e verifica e il Consiglio Comunale ad agire per la tutela delle prerogative dell’organo e della legittimità degli atti.

È incredibile e inammissibile – continua la nota del laboratorio di partecipazione civica messinAccomuna – che questa amministrazione gestisca i servizi pubblici e le risorse e i soldi dei messinesi senza rispetto per le leggi. ATM è un caso estremo, ma non è certo l’unico. Ecco come sono andate le cose: il Consiglio Comunale, a tutela dei creditori, deve approvare un piano di liquidazione che dica come pagare i debiti dell’azienda. I Commissari hanno proposto un piano che è stato bocciato dal Consiglio per ragioni non politiche, ma tecniche, procedurali e amministrative (come risulta dal verbale della discussione della seduta). Di fronte a questo i Commissari, se avessero ritenuto di non sapere (o non potere) riformulare il piano, avrebbero dovuto dimettersi. Invece hanno chiesto il “fallimento” dell’Azienda alla Regione. Che non ha risposto (anzi, l’Assessorato a Trasporti e Infrastrutture ha detto di non essere competente). Peraltro, se la Regione dovesse accogliere la richiesta, a gestire la liquidazione di ATM dovranno essere nuovi Commissari dalla stessa nominati. E, ovviamente, è OBBLIGO degli attuali Commissari salvaguardare azienda e patrimonio per la futura liquidazione. In assenza del piano di liquidazione e di una risposta della Regione, i Commissari liquidatori devono quindi per legge limitarsi all’ordinaria amministrazione e conservare il patrimonio di ATM e la sua capacità operativa.

Il licenziamento dei lavoratori e la vendita dei mezzi non sono atti ordinari e non “conservano” né il patrimonio né la capacità operativa dell’azienda. Dunque sono illegittimi. Contro tutti gli avvertimenti, l’amministrazione ha preteso di andare avanti come nulla fosse, contro ogni norma di tutela per i creditori, i lavoratori e il servizio ai cittadini. Oggi ricevono l’ultimo avvertimento da parte firmatari della diffida. Sono ancora in tempo per rientrare con poco danno nel perimetro della legge.

Messina è la tredicesima città d’Italia. Non siamo disposti a tollerare che venga gestita fuori (o contro) la legge, per finalità che, essendo incomprensibili, appaiono oscure o indichiarabili”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione